Svizzera, 08 ottobre 2020

La CEDU condanna la Svizzera, giornalista non dovrà rivelare l'identità di uno spacciatore di droga

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato la Svizzera per violazione della libertà di espressione in un caso di stampa. Una giornalista si era rifiutata di rivelare le sue fonti dopo un articolo su un trafficante di droga.

I giudici di Strasburgo hanno constatato che la Svizzera ha violato l'articolo 10 della CEDU riguardante la libertà di espressione. Il ricorrente è un giornalista condannato per aver rifiutato di testimoniare in un'indagine penale. Le autorità le avevano chiesto di rivelare le sue fonti a seguito di un articolo su uno spacciatore di droghe leggere pubblicato nel 2012 sul "Basler Zeitung".

Il Tribunale federale aveva stabilito che la giornalista non poteva invocare il diritto di rifiutare di testimoniare perché il traffico di droghe leggere era un reato e aveva concluso che l'interesse pubblico a perseguire un tale reato è superiore
all'interesse pubblico a proteggere una fonte giornalistica.

Per Strasburgo, l'obbligo per un giornalista di rivelare l'identità della sua fonte è conforme all'articolo 10 solo se vi è un interesse pubblico prevalente a farlo. È in gioco l'importanza della protezione delle fonti per la libertà di stampa in una società democratica.

Nel caso specifico, non è sufficiente che il reato sia classificato in una categoria o in un'altra per giustificare la condanna della giornalista ma occorre invece verificare se è necessario nel caso concreto.

Il Tribunale federale ha fatto riferimento alla ponderazione degli interessi effettuata in generale e in astratto dal legislatore. La sua sentenza non consente quindi di concludere che l'obbligo imposto alla ricorrente nella presente causa risponda ad un interesse pubblico prevalente.

Guarda anche 

Si vendicava dell'ex moglie prendendo multe a suo nome

Un cittadino kosovaro è stato appena condannato dalla giustizia friburghese per un crimine quantomeno singolare. Per vendicarsi della sua ex compagna si metteva al...
24.05.2024
Svizzera

Erano andate in Siria per unirsi all'ISIS, condannate (ma niente espulsione)

Il Tribunale penale federale ha condannato giovedì con due pene sospese due sorelle che si erano recate in Siria nel febbraio 2015 per unirsi allo Stato islamico (...
24.05.2024
Svizzera

Una Commissione critica la sentenza della CEDU, "non ha conseguenze per la Svizzera"

Il Consiglio federale deve spiegare agli altri Stati che la Svizzera sta già facendo abbastanza in materia climatica, ritiene una commissione del Consiglio degli S...
22.05.2024
Svizzera

Per i dottori fa fatica a imparare una lingua, naturalizzazione comunque rifiutata

Prima gli è stato detto no, poi sì, poi ancora no e dopo aver salito tutti i gradini fino al Tribunale federale, sarà proprio no: un cittadino americ...
03.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto