Ticino, 23 settembre 2020

Per i balivi di Berna siamo polli morti da spiumare!

C’era una volta Gesù bambino al quale credevamo tutti. Noi promettevamo di fare i bravi, di ubbidire ai nostri genitori e lui ci portava i regali a Natale. Poi crescendo ci hanno detto che non esistevano ne lui ne babbo Natale. Una fregatura potente, ma i regali arrivavano comunque.

Dopo di che è comparso il Governo di Berna e le prese per i fondelli sono arrivate una dietro l’altra, lasciando un Ticino preso a schiaffi anno dopo anno. Di regali neanche l’ombra, anzi, ci tocca pagare per foraggiare i borselli degli altri. La stangata dei premi di cassa malati annunciata ieri è la goccia che fa traboccare il vaso.

Una vergogna ingiustificabile perché in Ticino nel 2020 i costi per la salute sono scesi del 5.5%. Il Consiglio di Stato ha chiesto di non aumentare i premi, le casse malati hanno chiesto un aumento dell’1,7 % e Berna che pensata fa? Di correggere verso l’alto le stime delle casse malati vomitandoci addosso un aumento del 2,1%. Sono tornati i balivi, quelli che ci usano come cavie per il covid, che ci guardano dall’alto al basso e ci spremono come limoni. L’Ufficio federale della sanità va raso al suolo: un gruppo di incompetenti strapagati per fregare la gente.

Ha ragione De Rosa: siamo in mano alle lobby della salute che manipolano il Parlamento e anche il Governo, KrankenCassis in primis che fa tutto tranne gli interessi del suo Cantone. Per tanto così poteva tenersi il passaporto italiano e occuparsi della mutua della Penisola. È una vergogna che i Cantoni non possano accedere ai conti delle assicurazioni.

È una vergogna che i premi aumentino mentre contemporaneamente le riserve delle assicurazioni sparano verso l’alto a colpi di 1,7 miliardi all’anno.

È una vergogna che non si imponga a questi cassamalatari di usare le riserve fatte con i nostri premi.

È una vergogna che il Ticino abbia versato per anni premi in eccesso per centinaia di migliaia di franchi e a ce ne abbiano restituite poche decine. È  una vergogna che ci si dica che la nostra colpa è quella di avere una popolazione anziana. A sto punto rimandiamo oltre Gottardo tutti i confederati che dopo la pensione vengono in Ticino ad invecchiare.

È una vergogna che il concetto di compensazione intercantonale non valga anche per l’assicurazione malattia. È tutto una vergogna, anche i deliri del PLR contro il DSS che sappiamo tutti non ha nessun potere decisionale su questo dossier manovrato a Berna dalle decine di PLR ben piazzati nei CdA. Consiglio di Stato e Gran Consiglio adesso devono picchiare i pugni sui tavoli, alzare la voce e dire ai balivi che devono piantarla! Non siamo polli morti da spiumare!

Massimiliano Robbiani
Deputato Lega

Guarda anche 

Altre quattro classi in quarantena

Altre quattro classi scolatische sono finite in quarantena a seguito di alcuni casi di coronavirus. Si tratta del Liceo Cantonale di Lugano 1, dove una classe &egrav...
28.10.2020
Ticino

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, mercoledì 28 ottobre, s...
28.10.2020
Ticino

"Solidarietà alle donne dimenticate nella pandemia"

"Solidarietà alle operatrici del settore sanitario: donne dimenticate nella pandemia". È quanto esprime TiSin Donna attraverso un c...
28.10.2020
Ticino

Coronavirus: casi positivi in una casa per anziani e in un istituto per invalidi

Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) comunica che sono stati registrati alcuni casi positivi all’interno di una casa per anziani del M...
27.10.2020
Ticino