Mondo, 12 settembre 2020

I "Gilets jaunes" tornano in piazza, tra tensioni e divieti

Sono tornati in piazza i militanti del movimento dei "Gilets jaunes" dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Per la loro prima mobilitazione sabato mattina si erano radunate diverse migliaia di "Gilets jaunes" in diversi punti di Parigi e in altre città francesi.

Il ritorno delle manifestazioni avviene tuttavia in contesto teso e le autorità hanno imposto diversi limiti ai manifestanti, e in diversi casi hanno vietato loro di protestare. Il prefetto di polizia di Parigi Didier Lallement, citato da Le Figaro, ha avvertito che durante la manifestazione nella capitale "non potevano esserci distruzione o caos sugli Champs-Elysées", dove sono state vietate due manifestazioni ma nel primo pomeriggio si erano già registrati disordini nel 17° arrondissement, dove bidoni dell'immondizia sono stati dati alle fiamme e un'auto è stata data alla fiamme, ha detto un giornalista dell'agenzia stampa AFP. La polizia ha usato i lacrimogeni per cercare di disperdere la folla.

"C'è preoccupazione per la serenità in questo viale sugli Champs-Elysées, che è una vetrina per il nostro Paese, di conseguenza ho vietato queste manifestazioni", ha detto il prefetto in una conferenza stampa.

Ottantuno persone erano già state arrestate alle 11.15 dall'inizio della giornata, soprattutto perché in possesso di oggetti che "non hanno posto in una manifestazione - cacciaviti, pinze, coltelli -" ha annunciato su Twitter la prefettura di polizia della capitale francese.

Altre manifestazioni hanno avuto luogo nelle principali città francesi (Marsiglia, Tolosa, Lione, Lille, Nantes, Nizza, Bordeaux o Strasburgo...). A Tolosa (sud-ovest), una delle roccaforti del movimento, la manifestazione è stata vietata dalle autorità locali in particolare a causa "dell'alto tasso di propagazione di Covid-19".

Guarda anche 

Si fa asportare naso e orecchie per assomigliare a un alieno: la nuova vita di Anthony

BARCELLONA (Spagna) – “Ora sono felice, mi piace mettermi nei panni di un personaggio spaventoso”. Con queste parole Anthony Loffredo ha spiegato la sce...
29.09.2020
Magazine

Francia, 17enne rasata a zero e picchiata dalla famiglia perchè si era innamorata di un cristiano

La famiglia di una diciassettenne musulmana, proveniente dalla Bosnia ed Erzegovina ma residente a Besançon nella Francia orientale è stata posta in detenzi...
21.08.2020
Mondo

Incendio di Nantes, il principale sospettato ha confessato

È reo confesso il volontario ruandese arrestato quale principale sospettato di aver appiccato l'incendio nella cattedrale di Nantes una settimana fa. "...
26.07.2020
Mondo

"La legge è uguale per tutti, ma per i manifestanti di sinistra lo è di più?"

Quali conseguenze per i comuni e i cantoni che hanno permesso lo svolgimento di manifestazioni nonostante le restrizioni legate alla pandemia? In un'interpellanza ino...
18.06.2020
Svizzera