Mondo, 24 agosto 2020

"Via tutti i migranti in 24 ore", è scontro tra Sicilia e governo italiano

Continuano a far discutere in Italia i numerosi sbarchi avvenuti nelle ultime settimane, sbarchi che stanno creando non poche difficoltà alle autorità. La situazione è particolarmente difficile in Sicilia, con il governatore della Regione Nello Musumeci che accusa il governo di inefficienza e di aver abbandonato l'isola nella gestione del problema. Per questo Musumeci ha ordinato la chiusura dei centri di accoglienza di tutta la Regione e ha chiesto al governo il trasferimento di tutti gli ospiti in altre strutture del territorio nazionale entro la mezzanotte di lunedì.

"Entro le 24 del 24 agosto, tutti i migranti presenti negli hotspot e in ogni centro i accoglienza devono essere improrogabilmente trasferiti e/o ricollocati in altre strutture fuori dal territorio della Regione Siciliana, non essendo allo stato possibile garantire la permanenza nell'Isola nel rispetto delle misure sanitarie di prevenzione del contagio" è stata la richiesta del governatore siciliano, che arriva dopo settimane di continui sbarchi alle coste siciliane. L'ultimo, come riporta Il Giornale, proprio questa mattina quando un barchino è sbarcato davanti agli occhi stupiti dei turisti.

La richiesta di Musumeci rimarrà probabilmente lettera morta, oltre che per le difficoltà logistiche di spostare tutti i migranti in un lasso di tempo così breve anche per l'opposizione dello stesso governo secondo cui l'ordinanza del governatore della Sicilia "non ha alcun valore". Come riporta Repubblica, il governo italiano ha risposto che "l'ordinanza non ha alcun valore. La posizione del Governo è che la materia è di competenza statale".

Posizione a cui è arrivata prontamente la replica del governatore Musumeci: "Tutti conoscono il mio rispetto per le istituzioni. Ma pretendo lo stesso rispetto per la mia gente. Da Roma non abbiamo avuto altro che silenzi: sullo “stato di emergenza” richiesto per Lampedusa due mesi fa, sui protocolli sanitari da applicare, sulle tendopoli da scongiurare, sui rimpatri che dovevano iniziare il 10 agosto e di cui non si parla più, sul ponte aereo per i negativi. Nulla. Solo silenzio. Il governo centrale è arrivato impreparato e non si è posto alcun problema sulla gestione di un numero enorme di sbarchi durante la pandemia. E adesso il problema è diventato la mia ordinanza? Il ministro dice che è nulla? Quindi la responsabilità è loro. Bene, sono usciti allo scoperto! Ma io, a differenza di quelli che parlano e straparlano da casa, sono entrato nell’hotspot di Lampedusa. E so bene che quelle strutture non sono adeguate sotto il profilo sanitario. Sono un rischio costante per i migranti e per chi ci lavora. Piuttosto che prendersela con me o con i siciliani, provino a fare sentire la loro voce in Europa e si diano un piano serio per tutelare gli italiani. Facciano qualcosa... o meglio facciano quello che non hanno ancora fatto! Noi andremo avanti". Mentre il braccio di ferro continua, la situazione sulle coste italiane si fa sempre più incadescente.

Guarda anche 

La crisi afghana si fa già sentire, aumento del 60% delle domande d'asilo in agosto

Nel mese di agosto, la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) ha registrato 1556 domande di asilo. Il maggior numero di domande, 330, proveniva dall'Afghanistan ...
16.09.2021
Svizzera

Maschera di Dalì e mitra in mano: erano due minorenni che giocavano a spaventare i passanti

ORBETELLO (Italia) – “La Casa di Carta” è ormai diventato un must un po’ per gli utilizzatori di Netflix di tutte le età, ma evident...
14.09.2021
Magazine

Chi si rivede: la Nazionale torna a Lugano

LUGANO – A distanza di 3 anni la Svizzera tornerà a Lugano. Questa volta non con Vladimir Petkovic in panchina, ma con Murat Yakin, e lo farà in vista...
07.09.2021
Sport

Saracinesca Sommer: Qatar 2022 è nelle nostre mani

BASILEA – Dici Svizzera-Italia e, specie in Ticino, ti si drizzano le orecchie. Tornano alla mente tante sfide importanti per i colori rossocrociati e, uscendo dall...
06.09.2021
Svizzera