Sport, 14 agosto 2020

Lichtsteiner e il ritiro: “Con la Serbia la partita più emozionante”

L’ex capitano della Nazionale ha detto addio al calcio giocato e ha ripercorso la sua carriera

LUCERNA – Campione d’Italia per ben 7 volte con la maglia della Juventus, due finali di Champions League disputate sempre con la maglia dei bianconeri, campione svizzero col GC, esperienze importanti anche con i colori del Lille, della Lazio, dell’Arsenal e dell’Augsburg: a 36 anni Stephan Lichsteiner mercoledì ha comunicato la sua decisione di smettere col calcio.

L’ormai ex capitano della Nazionale ha rilasciato una bella intervista al “Blick”, nella quale spiega come “era ormai chiaro da molto tempo che sarebbe stato il mio ultimo anno. Il rinvio dell’Europeo è stato amaro e ho anche pensato di continuare, ma ora mi sento a mio agio con la decisione presa”.

Lichsteiner ha inoltre rivissuto la sua carriera tramite alcune foto che lo vedevano impegnato con le maglie del GC, del Lille, della Lazio, della Juventus e dell’Arsenal,
fino ad arrivare a quella della Nazionale. Una maglia che ha difeso con onore e grinta, ma che gli ha anche procurato dolori.

Come dimenticare l’errore contro l’Argentina all’ultimo minuto dei supplementari che ci è costato la rete di Di Maria che ci ha eliminati agli ottavi di finale nel Mondiale brasiliano? O come non ricordare il famoso gesto dell’Aquila bicipite contro la Serbia nella sfida mondiale in Russia?

E proprio su quest’ultimo episodio Lichtsteiner ha detto la sua: “Ho mostrato solidarietà ai mie compagni come ho sempre fatto. Questo è ciò che abbiamo bisogno anche in questo momento legato al coronavirus. Come emozioni, quella con la Serbia è la stata la più estrema, visto che avevamo in squadra tanti giocatori di origine albanese e la rete al 90’ è stata pazzesca”.

Guarda anche 

Il Lugano torna a vincere e il Sion vede la Challenge

LUGANO - Quattro sconfitte consecutive (oltretutto senza reti) potevano bastare. Il Lugano, ridisegnato ieri sera da Mister Jacobacci, sconfigge ...
16.05.2021
Sport

Hofmann: “La NHL? Bisogna valutare i pro e i contro…La festa dei tifosi? Capisco i mugugni, ma…”

ZUGO – 18 reti e 23 assist in regular season, 6 gol e 8 passaggi decisivi nei playoff, con tanto di doppietta in gara-3 contro il Ginevra e 1 rete in gara-1 contro ...
14.05.2021
Sport

Che fine ha fatto l’FC Lugano?

LUGANO – Partiamo da un presupposto: perdere a Basilea ci sta. Non segnare a Basilea, anche… ma perdere 6 delle ultime 7 partite e non segnare nelle ultime 4...
13.05.2021
Sport

Lugano brutto e confuso. La serie nera continua

LUGANO - Una settimana oltre modo difficile si è conclusa con una sconfitta pernulla inattesa. Il nervosismo di Jacobacci durante la confe...
09.05.2021
Sport