Mondo, 09 luglio 2020

Seconda notte di scontri e proteste a Belgrado dopo l'annuncio di un nuovo lockdown

Dopo l'annuncio di martedì di un nuovo coprifuoco dovuto alla pandemia, migliaia di persone hanno manifestato di nuovo mercoledì per le strade di Belgrado.

Una manifestazione a Belgrado contro le misure annunciate dal governo è degenerata in scontri e violenze per la seconda notte consecutiva di mercoledì. Gli scontri sono scoppiati anche nella seconda città più grande del paese, Novi Sad.

I manifestanti hanno dapprima lanciato razzi e bottiglie contro le forze dell'ordine che hanno formato un cordone protettivo davanti alla sede del parlamento.

La manifestazione si è svolta nonostante il fatto che il presidente Aleksandar Vucic abbia rinnegato la sua promessa di martedì di imporre il coprifuoco per il lungo fine settimana a causa del peggioramento della situazione sanitaria. A Novi Sad, gli uffici del Partito progressista di Vucic sono stati saccheggiati, riportano
emittenti televisive locali citate dall'agenzia AFP.

Le riprese televisive effettuate a Belgrado mostrano i dimostranti sui gradini davanti all'ingresso del Parlamento, che lanciavano razzi e altri oggetti contro l'edificio. Diverse migliaia di persone si erano radunate nel tardo pomeriggio per protestare contro le restrizioni previste a causa dell'epidemia di Covid-19.

Diversi cordoni della polizia vestiti in tenuta antisommossa sono stati dispiegati davanti all'edificio prima della manifestazione, con poliziotti a cavallo e cani poliziotto lungo il Parlamento. Nelle prime due ore, l'unico incidente è stato l'attacco a un leader dell'opposizione, Sergej Trifunovic. Un gruppo di uomini lo ha inseguito per diverse centinaia di metri di distanza, facendolo sanguinare sulla testa. L'attore-politico è tornato tra la folla un po' più tardi con la testa fasciata.

Guarda anche 

Effetti del Covid-19, i sindacati chiedono un Osservatorio sul frontalierato

Convocare l’Osservatorio sul frontalierato per verificare dimensioni e numeri del fenomeno nell’anno del Covid-19. Ad avanzare la richiesta, come riferisce il...
17.04.2021
Ticino

"Gli allentamenti non bastano, bisogna riaprire subito!"

Secondo la Lega dei Ticinesi gli allentamenti comunicati oggi pomeriggio dal Consiglio federale sono "totalmente insoddisfatta" e la Confederazione dovrebbe inv...
14.04.2021
Svizzera

"I test 'fai da te' dei frontalieri non siano a carico della Svizzera"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri ha inoltrato oggi una mozione al Consiglio federale in cui chiede che i costi dei test “fai da te” dei frontalieri att...
14.04.2021
Svizzera

Strike: positivo al covid, esce di casa e provoca un incidente

SAN PAOLO (Brasile) – Verrebbe da dire… “ne avesse indovinata una!”. Davvero incredibile la giornata vissuta dall’ex Milan Luiz Adriano, ch...
08.04.2021
Sport