Svizzera, 05 luglio 2020

Una tigre ferisce mortalmente una guardiana dello zoo di Zurigo

Una guardiana di animali dello zoo di Zurigo è stata attaccata da una tigre siberiana sabato pomeriggio, subendo ferite tanto gravi da causarne la morte. Lo ha comunicato lo zoo in un comunicato ripreso dai media svizzerotedeschi. Il tragico incidente è oggetto di inchiesta.

Poco prima delle 13.20, il servizio di emergenza interno dello zoo è stato informato che un guardiano era stato attaccato da una tigre siberiana nel recinto delle tigri. Un gruppo di guardiani è intervenuto ed è riuscito ad attirare la tigre fuori dal recinto.

Una squadra di soccorso è poi intervenuta per soccorrere la malcapitata. Nonostante i tentativi di rianimazione, la donna di 55 anni è morta sul posto.

Il corso dell'incidente e il motivo per cui la guardiana era nel recinto insieme alla tigre è ora oggetto di un'inchiesta. L'indagine è condotta dal Ministero pubblico zurighese, della Polizia municipale di Zurigo e dell'Istituto di medicina legale.

È stata istituita una cellula di supporto per i visitatori e i dipendenti dello zoo che hanno assistito all'incidente.

Lo Zoo di Zurigo ha due tigri siberiane adulte, note anche come tigri dell'Amur. Una femmina ha circa cinque anni e un maschio quattro anni e mezzo. Lo Zoo di Zurigo ha riaperto i battenti il 6 giugno dopo l'abolizione delle misure di contenimento per constrastare la diffusione del coronavirus.


Guarda anche 

Detenuto pericoloso fugge da una clinica zurighese

Un detenuto ritenuto pericoloso è fuggito da una clinica a Winterthur in cui era ricoverato. Secondo quanto riferito dalla polizia cantonale di Zurigo, citata dal ...
02.08.2020
Svizzera

Tanto coraggio e una gemma: una vittoria fondamentale per un Lugano che deve ancora correre

LUGANO – Dopo 4 pareggi consecutivi, di cui alcuni rocamboleschi e da mangiarsi le mani, il Lugano ieri sera a Cornaredo è tornato a conquistare quei 3 impor...
23.07.2020
Sport

Chiede 500 miliardi di danni alla vicina accusata di averlo ustionato

Accusa la vicina di averlo ustionato con dell'acqua bollente e le chiede 500 miliardi di franchi come riparazione. Il 19 giugno 2019, a Männedorf, nel canton Zur...
23.07.2020
Svizzera

Tra rinvii, U21 e COVID-19: il calcio svizzero e le sue contraddizioni

LUGANO – Ripartire o non ripartire col calcio giocato. Era questo uno dei tanti interrogativi che nel nostro Paese in molti si ponevano in piena pandemia coronaviru...
16.07.2020
Sport