Mondo, 13 giugno 2020

Notte di paura a Rimini, migrante causa il caos urlando "Allah akbar" e "Italia è una m...."

È stata una notte agitata a Rimini quella tra giovedì e venerdì, quando un tunisinoha dato in escandescenza proferendo insulti a sguarciagola e prendendo a sprangate anche un’ambulanza.

Come riporta sito de "Il Giornale", ci sono stati anche momenti di paura, specialmente quando l'uomo si è messo a urlare "Allah Akbar", il grido di battaglia tipico dei jihadisti e degli estremisti islamici.

Il tutto è durato circa due ore, dalle ventidue e mezza fino oltre alla mezzanotte, in zona lungomare. Insieme all’esagitato 44enne, c'era anche la sua compagna, una 37enne brasiliana e anche lei non è stata da meno, anzi: secondo quanto raccontato a "ilGiornale" da un residente della zona, la sudamericana urlava in continuazione e a squarciagola.

La coppia era evidentemente in stato alterato, come hanno dimostrato gli esami condotti che indicano che i due erano sotto gli effetti sia di alcol che di sostanze stupefacenti. I due, urlando e litigando furiosamente per strada hanno addirittura bloccato il traffico delle automobili in transito: i due, infatti, presi dall’ira, si sono messi a scaraventare per terra oggetti di vario tipo, fra cui sedie e cassonetti.

La situazione si calma quando sul posto arrivano un’ambulanza e due pattuglie della polizia, oltre a una terza arrivata quale rinforzo. Prima che gli agenti arrivassero sul posto, i due esagitati hanno avuto tempo per prendersela pure con il personale medico, prendendolo letteralmente a sprangate.

Parte della scena è stata ripresa da passanti e i video sono stati pubblicati sul sito del "Giornale". Sono disponibili qui.

Guarda anche 

"È vero che l'Italia ha fatto richiesta di rimandare l'accoltellatore somalo in Svizzera?"

Alla Confederazione risulta che l'Italia ha chiesto alle autorità svizzere di farsi carico dell'accoltellatore somalo che sabato scorso accoltellò c...
16.09.2021
Svizzera

Maschera di Dalì e mitra in mano: erano due minorenni che giocavano a spaventare i passanti

ORBETELLO (Italia) – “La Casa di Carta” è ormai diventato un must un po’ per gli utilizzatori di Netflix di tutte le età, ma evident...
14.09.2021
Magazine

Chi si rivede: la Nazionale torna a Lugano

LUGANO – A distanza di 3 anni la Svizzera tornerà a Lugano. Questa volta non con Vladimir Petkovic in panchina, ma con Murat Yakin, e lo farà in vista...
07.09.2021
Sport

Rifugiato afghano ferisce gravemente una giardiniera a Berlino, "infastidito nel vedere una donna lavorare"

Un rifugiato afghano ha aggredito sabato una donna che stava lavorando in un parco di Berlino. Secondo quanto riferito, l'uomo era infastidito dal fatto che una donna...
06.09.2021
Mondo