Mondo, 31 maggio 2020

Negli USA si moltiplicano scontri e proteste, diversi morti e feriti

Si moltiplicano negli USA le proteste e gli scontri dopo la morte di un afroamericano durante il suo arresto all'inizio della settimana a Minneapolis. Questo nonostante l'agente di polizia ritenuto l'autore dell'omicidio sia stato arrestato con l'accusa di omicidio colposo.

Centinaia, se non migliaia, di persone si sono radunate in tutto il paese, davanti alla Casa Bianca a Washington ma anche a New York, Dallas, Houston, Las Vegas, Des Moines, Memphis e Portland. Ad Atlanta, veicoli della polizia sono stati bruciati.

Un coprifuoco è in vigore da venerdì a Minneapolis, senza che questo abbia sortito un grande effetto visto che gli scontri e i saccheggi delle notti precedenti si sono nuovamente replicati.

La famiglia del 46enne George Floyd, con cui il presidente Donald Trump ha annunciato di aver parlato, ha salutato l'arresto dell'ufficiale di polizia come primo passo sulla "strada verso la giustizia", ​​ma lo ha ritenuto "in ritardo" e insufficiente . "Vogliamo un'accusa di omicidio intenzionale con premeditazione. E vogliamo vedere gli altri agenti (implicati) arrestati ", hanno detto i famigliari in un comunicato.

Finora, solo un agente di polizia è stato arrestato, ha dichiarato il commissario John Harrington del Dipartimento della Protezione civile del Minnesota, nonostante siano stati tre gli agenti ad aver cercato di arrestare Floyd. Il volto di questo agente è in giro per il mondo, da quando un video diventato virale lo mostra tenere fermo Floyd tenendogli il ginocchio sul collo. Floyd urla e si lamenta: "Non riesco più a respirare", lo si sente dire poco prima di morire asfissiato.

Guarda anche 

La password dimenticata che vale 200 milioni di franchi in Bitcoin

Il valore del Bitcoin ha preso il volo nelle scorse settimane raggiungendo il massimo storico di 40'000 dollari giovedì 7 gennaio. Per coloro che non hanno pi&...
13.01.2021
Mondo

Libertà d'espressione, il social network "Parler" chiuso da Amazon e bandito da Apple e Google

Il popolare social network dei conservatori americani, Parler, è stato chiuso lunedì, il giorno dopo che Amazon ha tagliato l'accesso ai suoi server sul...
11.01.2021
Mondo

"I media e i democratici stanno lanciando una nuova 'guerra al terrore'"

Alcune delle stesse persone che stavano dietro la "Guerra al Terrore" lanciata sulla scia degli attentati alle torri gemelli del 2001 stanno ora aiutando a iniz...
11.01.2021
Mondo

Twitter rimuove permanentemente Donald Trump, "nuovo attacco alla libertà d'espressione"

Il presidente americano Donald Trump si è ritrovato questa mattina privato del suo canale di comunicazione preferito, Twitter. Il social network ha infatti annunci...
09.01.2021
Mondo