Svizzera, 28 maggio 2020

A Ginevra i clandestini saranno risarciti per non aver potuto lavorare

Indennizzati per non aver potuto lavorare, pur non avendo il diritto di risiedere o lavorare in Svizzera. La chiusura parziale delle attività economiche causata dalla pandemia di Coronavirus colpisce in particolare i clandestini, i quali non avendo diritto di risiedere in Svizzera non possono percepire sussidi di disoccupazione o altre prestazioni sociali per sopperire alla mancanza di lavoro.


Una situazione i cui effetti si sono visti in particolare a Ginevra, dove in queste settimane migliaia di persone, in gran parte clandestini, hanno fatto la fila per ore allo stadio di hokey di "Les Vernets" per ricevere un sacchetto di alimenti. Immagini che hanno scosso e fatto riflettere non solo la Svizzera ma che hanno fatto il giro del mondo e danneggiato l'immagine di Ginevra come città dell'ONU e della diplomazia e di importante e prospero polo bancario.

Per evitare un ulteriore peggioramento della situazione (o detto altrimenti, un allungamento della fila di clandestini), le autorità ginevrine, invece di applicare la legge che impone l'allontamento di queste persone illegalmente presenti in Svizzera, ha presentato una legge di emergenza per indennizzare le persone che hanno perso il lavoro tra il 17 marzo e il 16 maggio e non hanno diritto di ricevere sussidi di disoccupazione o prestazioni sociali. Una legge che è praticamente fatta su misura per i clandestini. Il risarcimento verrà versato una volta ed è destinato a coprire l'80% dell'ultimo reddito e si applica per un periodo di due mesi. Un altro prerequisito è che i candidati siano presenti Ginevra da un anno e hanno lavorato nei tre mesi precedenti l'inizio della crisi di Coronavirus. Il governo di Ginevra scrive: "Gli aiuti una tantum hanno lo scopo di proteggere la popolazione colpita dalla povertà da un deterioramento della loro situazione economica e sociale". La legge ora passa al parlamento cantonale.

Le associazioni che sostengono coloro che in Svizzera vengono chiamati dai media "Sans-Papiers" accolgono con favore la legge di emergenza, ma temono che vi siano troppi ostacoli per un'attuazione rapida e di successo. Marianne Halle del Centro per i contatti Suisses-Immigrés di Ginevra afferma: "Sarà molto difficile per le persone colpite fornire prova del lavoro e dei salari, poiché in questo tipo di rapporto di lavoro c'è poco o nulla di scritto". I richiedenti dovrebbero inoltre essere certi che la magistratura non agirà contro di loro. Inoltre, è chiaro se dovrebbero anche nominare i loro datori di lavoro, che la maggior parte rifiuterebbe, ha detto Halle.

Una delle poche voci di peso critica contro la legge è il consigliere di Stato Mauro Poggia (MCG) il quale aveva dichiarato lunedì al telegiornale romando se sia giusto che lo Stato debba rispondere per la cattiva condotta di "datori di lavoro senza scrupoli".

Guarda anche 

Lugano bastonato e con le ossa “rotte”

LUGANO – Dopo le brillanti vittorie con cui aveva aperto l’anno, a Davos e in casa col Langnau, il Lugano era atteso a una vera e propria prova di forza negli...
10.01.2021
Sport

Ginevra, migrante accoltella a morte il fidanzato della ex

Un omicidio è avvenuto attorno alle 18 di ieri, sabato 2 gennaio, a Vernier, nel canton Ginevra. A perdere la vita - comunica il Ministero pubblico ginevrino - &eg...
03.01.2021
Svizzera

Condannato a cinque mesi di carcere per aver scritto messaggi razzisti sul web

Un cittadino svizzero residente nel canton Ginevra è stato condannato per pubblica istigazione all'odio e alla discriminazione per aver scritto frasi a caratte...
23.12.2020
Svizzera

Tra nazionali e quarantene, il Lugano si incarta a Ginevra

GINEVRA – Avevamo lasciato il Lugano 2 settimane fa clamorosamente in vetta alla classifica. Una posizione alla quale i bianconeri, ovviamente, non sono abituati ma...
23.11.2020
Sport