Svizzera, 04 maggio 2020

Con l'immigrazione in calo e la crisi diminuiscono anche gli affitti

Gli effetti del Covid-19 si fanno sentire anche sul mercato immobiliare svizzero. Ad aprile, gli affitti sono leggermente diminuiti, in particolare nella regione del Lago di Ginevra, Svizzera centrale e Ticino. Sono disponibili meno offerte di immobili, mentre un numero minore di inquilini desidera essere proprietario della proprietà.

Se il numero di annunci di immobili in affitto si è stabilizzato dalla fine di marzo, gli affitti proposti sono diminuiti del -0,7%, secondo l'indice svizzero di offerte immobiliari, pubblicato lunedì da ImmoScout24 e la società di Consulenza immobiliare CIFI. Il calo ha raggiunto l'1,2% in un anno.
"Sembra che le attuali incertezze della popolazione e il potenziale inizio di una recessione nell'economia svizzera stiano avendo l'effetto di una doccia fredda sul desiderio di traslocare", spiega Martin Waeber, direttore esecutivo di ImmoScout24 a “20 minuten”.

Fra i motivi del calo degli affitti vi è la diminuzione dell'immigrazione. "Le disposizioni che attualmente limitano l'ingresso nel nostro territorio dovrebbero comportare un aumento del tasso di posti vacanti e quindi una stagnazione, o addirittura un calo degli affitti. A breve termine, il rallentamento della costruzione di appartamenti e un calo dell'offerta potrebbero, tuttavia, compensare il calo della domanda".

L'evoluzione degli affitti varia in base alla regione. Gli affitti continuano ad aumentare nella Svizzera orientale (0,9%) mentre sono stabili nel Mittelland (0,1%), nella Svizzera nord-occidentale (-0,1%) e a Zurigo (- 0,2%). La regione del Lago di Ginevra (-0,9%), la Svizzera centrale (-0,9%) e il Ticino (-1,2%) hanno registrato un calo
degli affitti.

I prezzi degli alloggi di proprietà sono rimasti solidi ad aprile. Tuttavia, un rallentamento della dinamica dei prezzi è evidente anche per le case e gli appartamenti di proprietà. I prezzi di vendita offerti negli annunci pubblicitari cambiano lateralmente per gli appartamenti condominiali (0,2%) e per le singole case (-0,2%).

La proprietà della casa rimane popolare: oltre un anno i prezzi delle case unifamiliari sono aumentati dell'1,3% e quelli dei condomini del 3,8%.

"Le interessanti condizioni di finanziamento sono nella mente dei potenziali acquirenti che dispongono di liquidità sufficiente e per i quali è garantita la fattibilità finanziaria, al punto che le loro possibili preoccupazioni relative alle prospettive economiche sono relegate in secondo piano", secondo la documento.

La crisi del coronavirus ha anche un impatto significativo sul desiderio degli svizzeri di comprare casa. Ad aprile, poco più della metà (57%) degli inquilini ha dichiarato di essere interessato all'acquisto di un'immobile, rispetto al 70% a dicembre 2019, secondo un sondaggio MoneyPark pubblicato lunedì.

"La paura di una riduzione prolungata dell'orario di lavoro, della disoccupazione e di minori entrate finanziarie sono probabilmente all'origine di questa situazione", si legge nel sondaggio di MoneyPark. “Per il momento, le famiglie a basso reddito non possono permettersi un investimento che richiede risorse finanziarie significative. Paradossalmente, sono proprio questi inquilini che avrebbero più bisogno di ridurre i costi delle case acquistando il proprio appartamento."

Guarda anche 

Dopo quasi due mesi, a Shanghai si comincia ad allentare il lockdown

Martedì le autorità di Shanghai hanno dichiarato di aver "sconfitto" il coronavirus e che non sono stati trovati nuovi casi positivi (escluse le s...
26.05.2022
Mondo

Shangai: Dopo le proteste della popolazione il governo allegerisce le misure

Shanghai è sotto stretta sorveglianza dal primo aprile a causa di una recrudescenza dei casi di Covid-19, rendendo difficile per i suoi 25 milioni di abitanti l...
07.04.2022
Mondo

Dal primo aprile fine delle misure anti-Covid

La decisione era nell'aria e poco fa è arrivata la conferma dal Consiglio federale: a partire da venerdì primo aprile cadono le ultimi restrizioni an...
30.03.2022
Svizzera

"I Parlamentari rinuncino a 5'000 franchi di indennità quale gesto di solidarietà"

I deputati che siedono a Berna dovrebbero rinunciare al 20% delle indennità quale gesto di solidarietà verso i cittadini colpiti dalla crisi di Coronavir...
01.02.2022
Svizzera