Ticino, 23 aprile 2020

Qualcuno si è dimenticato delle frontiere?

Il Ticino ha ottenuto da Berna il prolungamento di una settimana, limitato ad alcuni settori produttivi, della “finestra di crisi”.

E’ positivo che il CdS abbia staccato all’autorità federale una decisione che considera le particolarità regionali. Questo, peraltro, non dovrebbe accadere solo quando è in corso una pandemia. Le peculiarità del nostro Cantone dovrebbero essere prese in considerazione anche in tempi normali.

In tutto questo discorso manca però una parte fondamentale, ovvero la questione delle frontiere.
Il Ticino, ormai è chiaro anche al Gigi di Viganello, si è impestato a seguito della contiguità territoriale con la Lombardia, principale focolaio covid dell’Occidente. Contiguità in regime di frontiere spalancate. Se si fossero chiuse le frontiere con il Belpaese per tempo, non ci troveremmo nella situazione attuale (contagi e morti che sono un multiplo della media svizzera).

E' corretto che le attività economiche dove si può lavorare in sicurezza ripartano. Perché si può girarla e pirlarla come si vuole, ma il succo non cambia: chi non lavora non mangia. Ed i miliardi che si stanno
bruciando per colpa dello stramaledetto virus cinese non crescono sugli alberi: sono soldi del contribuente.

Ma riaprire gradualmente le attività economiche non vuol dire riaprire le frontiere e fare entrare tutti. Al contrario, si deve ripartire con personale residente.

In concreto:

- Tutti i padroncini restano a casa;

- I 45mila frontalieri nel terziario restano a casa;

- Nei settori autorizzati a lavorare, riprende prima chi non ha dipendenti frontalieri o ne ha pochi. Chi invece ha assunto permessi G a scapito dei ticinesi, aspetterà;

- Bisogna procedere a controlli sanitari sul confine (misurazione della temperatura, ecc).

Chiedere le finestre di crisi per tenere chiuse determinate attività, e però nel contempo lasciare entrare tranquillamente i frontalieri, è schizofrenico.

Se il risultato dell’allentamento del "lockdown" è di permettere ai frontalieri ed ai padroncini di lavorare ma ai ticinesi no, vuol dire che si sta partendo per la tangente. Perché dovrebbe succedere proprio il contrario!

Lorenzo Quadri
Consigliere nazionale
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

“Le casse malati hanno bruciato le riserve dei cittadini in operazioni borsistiche?”

È vero che le casse malati usano le loro riserve per speculare sul mercato borsistico? È quanto chiede il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri al Consiglio ...
29.09.2022
Svizzera

Imposta preventiva: un Sì che giova a lavoro e gettito

Il prossimo 25 settembre saremo chiamati a votare sull’abolizione dell’imposta preventiva sulle obbligazioni. Non si tratta di una questione che riguarda p...
19.09.2022
Opinioni

"Perchè la Posta delocalizza posti di lavoro qualificati in Portogallo?"

Con un comunicato stampa trasmesso oggi la Posta ha annunciato la sua intenzione di voler aprire un "centro di sviluppo IT" in Portogallo, dove assumerà ...
13.09.2022
Svizzera

"La Convenzione del 1974 sulla fiscalità dei frontalieri va disdetta entro fine anno"

Di fronte ai continui rinvii della firma sul nuovo accordo fiscale con l'Italia l'unica soluzione, per la Svizzera, è di disdire unilateralmente la Conv...
12.09.2022
Svizzera