Mondo, 20 aprile 2020

In Germania comincia l'allentamento delle restrizioni, "pandemia sotto controllo"

Dopo Austria e Danimarca, diversi paesi europei cominciano questa settimana un graduale allentamento delle misure di contenimento di fronte al calo del numero di vittime legate al Covid-19.

Come la Germania, che da oggi consentirà la riapertura della maggior parte dei negozi con una superficie inferiore a 800 metri quadrati. Con oltre 135'000 casi identificati e circa 4'000 decessi, la pandemia in Germania è "sotto controllo e gestibile", ha affermato il Ministro della Sanità Jens Spahn (nella foto accanto a Angela Merkel).

Questo "successo di tappa" è tuttavia "fragile", ha avvertito la cancelliere Angela Merkel, mentre Armin Laschet, ministro-presidente della Renania settentrionale-Vestfalia, una delle regioni più colpite, ha avvertito che "non saremo in grado di vivere la nostra vecchia vita ancora per diverso tempo”.

Diversi paesi, tra cui Francia, Spagna e Italia, registrano un numero in calo di pazienti e decessi, dopo settimane di aumenti, cosa che consente ai loro governi di considerare per le prossime settimane i primi allentamenti delle restrizioni messe in atto.

"Non siamo ancora usciti dalla crisi sanitaria" ma "la situazione sta gradualmente migliorando, lentamente ma sicuramente", ha dichiarato domenica il primo ministro francese Edouard Philippe. La Francia, il quarto paese al mondo più colpito in termini di decessi dopo gli Stati Uniti, l'Italia e la Spagna, prevede un deconfinamento dall'11 maggio, che però sarà molto graduale.

In Italia, le prime restrizioni non saranno tolte prima del 3 maggio, hanno detto le autorità, ma a poco a poco le aziende stanno riaprendo, anche se solo parzialmente e con un'abbondanza di precauzioni.

In Spagna, il capo del centro di allarme sanitario Fernando Simon ha annunciato che, per la prima volta dal 22 marzo, il bilancio delle vittime quotidiano era passato, con 410 morti, sotto la soglia dei 500. L'obitorio improvvisato in una pista di pattinaggio a Madrid deve chiudere mercoledì, e dal 27 aprile i bambini, che sono stati rinchiusi rigorosamente dal 14 marzo, potranno lasciare le loro abitazioni.

In Norvegia, dove il virus è ora "sotto controllo", gli asili nido riaprono oggi e il divieto di soggiornare nella residenza secondaria verrà revocato. Una seconda fase, dal 27 aprile, vedrà la riapertura parziale di licei, scuole superiori e università. “Possiamo riaprire la società a poco a poco. Lo faremo insieme, in modo controllato e graduale", ha affermato il Primo Ministro Erna Solberg.

Tuttavia, nel Regno Unito, il contenimento introdotto il 23 marzo è stato prorogato di almeno tre settimane giovedì scorso e il governo non ha ancora intenzione di revocare le misure prese. Il Regno Unito è uno dei paesi più colpiti in Europa, con oltre 16'000 decessi.

Guarda anche 

Diverse migliaia di manifestanti contro le misure coronavirus a Uster

Sabato pomeriggio si è tenuta l'ennesima manifestazione contro le misure cornavirus a Uster, comune della periferia di Zurigo. Stando alla polizia erano circa ...
26.09.2021
Svizzera

Leader dei no-vax: muore a 57 anni!

HOLON (Israele) – “Non arrendetevi, lo Stato usa metodi coercitivi criminali con noi. Vogliono spazzarmi via”. Sono state praticamente le ultime parole ...
16.09.2021
Magazine

Svizzera, ci mancava anche Xhaka…

BASILEA – Dici Svizzera-Italia e ripensi alle sfide del passato, alla rete di Hottiger, a quelle di Ohrel e di Chapuisat, alla sfida dei recenti Europei (deludentis...
02.09.2021
Sport

Era il leader dei “no mask”: morto in Texas

È morto per covid, Caleb Wallace, il leader “no mask” texan diventato famoso per aver organizzato un “Rally della libertà”, invitand...
30.08.2021
Magazine