Svizzera, 25 marzo 2020

I disoccupati non dovranno più presentare ricerche di lavoro, prolungato il periodo di disoccupazione

Il Consiglio federale ha annunciato mercoledì una semplificazione delle procedure relative alla disoccupazione e all'assunzione di nuovi lavoratori a causa della crisi del coronavirus, e allo stesso tempo sta espandendo il suo pacchetto di misure a favore dei disoccupati e dei dipendenti per limitare gli effetti della crisi del coronavirus sulla l'economia.

Le nuove misure riguardano l'obbligo di comunicare i posti vacanti, l'assicurazione contro la disoccupazione, l'indennità in caso di riduzione dell'orario di lavoro e la pensione professionale. Questi provvedimenti semplificano le procedure e consentono alle autorità di elaborare le richieste più rapidamente.

"Siamo consapevoli di non aver risolto tutti i problemi. Ma l'aiuto è lì e stiamo lavorando per fornirlo il più rapidamente possibile ", ha detto alla stampa il ministro dell'economia Guy Parmelin.

Diverse misure riguardano le persone in cerca di lavoro. I disoccupati non dovranno più fornire prove delle loro ricerche di lavoro mentre è in vigore lo stato di emergenza legato al Covid-19. Dovranno continuare i loro sforzi, ma dovranno presentare le loro ricerche solo entro un mese dopo la scadenza dello stato di emergenza.

Il primo colloquio con l'Ufficio regionale per l'impiego sarà telefonico. Per impedire che qualcuno finisca il suo diritto alla disoccupazione durante questo periodo di crisi, tutti i beneficiari dispongono di un massimo di 120 indennità giornaliere supplementari. Il periodo quadro per la compensazione è prorogato di due anni.

Sarà facilitato il passaggio alla disoccupazione parziale. Il periodo di preavviso per la richiesta di risarcimento in caso di riduzione dell'orario di lavoro è abolito. Per quanto riguarda il periodo durante il quale può essere concessa la disoccupazione parziale, questa viene estesa dai tre ai sei mesi.

Il Consiglio federale vuole ridurre il numero di richieste e accelerare la procedura di autorizzazione. Dobbiamo evitare il lavoro in eccesso, ha detto Guy Parmelin. Gli organismi hanno già molto a che fare con le richieste di disoccupazione parziale. La Segreteria di Stato dell'economia ha registrato 484'000 unità, che rappresentano il 9,5% di tutti i dipendenti.

I soci di una società, che occupano una posizione comparabile a quella di un datore di lavoro, riceveranno l'importo di 3320 franchi per un lavoro a tempo pieno in caso di disoccupazione parziale. È una somma forfettaria che non sarà ridotta, ha affermato il consigliere federale.

I datori di lavoro potranno utilizzare, per il pagamento dei contributi LPP dei propri dipendenti, le riserve contributive che hanno istituito. Questa misura dovrebbe aiutarli a superare la carenza di liquidità senza danneggiare i dipendenti.

Il datore di lavoro continuerà normalmente a detrarre la quota dei contributi dei dipendenti dai loro salari. Il fondo pensione accrediterà tutti i contributi a quest'ultimo.

Il Consiglio federale ha inoltre pianificato misure per reclutare più facilmente i lavoratori nei settori della sanità, della farmaceutica, dell'agricoltura e della logistica. L'obbligo di comunicare i posti vacanti è temporaneamente sospeso.

Gli straordinari per il personale infermieristico, indotti dalla situazione attuale, saranno pagati. Le parti sociali risolveranno la questione dopo la crisi.

I datori di lavoro sono tenuti a fornire adeguati tempi di riposo e misure per proteggere i propri lavoratori, ha aggiunto Guy Parmelin. Resta la protezione dei giovani lavoratori e delle donne in gravidanza.

Il capo del Dipartimento federale dell'economia ha ulteriormente giustificato il fatto di permettere all'industria di lavorare. Le aziende che possono lavorare devono farlo, ha detto. "È essenziale evitare un'interruzione in alcune catene produttive essenziali per il Paese e fornire le basi per tornare alla normale attività quando il rischio è scomparso".

Tuttavia, i Cantoni possono chiudere le attività commerciali che non rispettano le disposizioni in materia di salute e sicurezza del Consiglio federale. Altre misure dovrebbero essere prese dal governo per altre categorie di persone, ha affermato Guy Parmelin. Riguarderanno in particolare i casi più difficili.

Guarda anche 

La Pop Music School lancia una mini serie girata durante la quarantena

Se i grandi non sono in grado di gestire il problema che affliggeva il mondo e lo costringeva a stare in quarantena, ovvero il Coronavirus, tocca per forza ai più ...
13.07.2020
Magazine

Coronavirus, cresce sempre di più il numero di giovani infettati

Il virus è mutato? Sì, no, forse. Domanda alla quale nessuno tra gli esperti sa rispondere con esattezza. E allora vale la stessa regola di sempre, la pi&ug...
13.07.2020
Mondo

Niente UFO o test militari, procuratori russi sostengono di aver risolto il mistero degli escursionisti trovati morti

La macabra e inspiegabile morte di un gruppo di escursionisti russi sul Passo del Dyatlov nel 1959 hanno ispirato innumerevoli teorie sugli UFO, test militari segreti men...
13.07.2020
Mondo

Bignotti: "GC, fai i tamponi ai tuoi tesserati"

Che fare se i tuoi prossimi avversari sono stati toccati dal Coronavirus? Il calcio è uno sport di contatto e pensare di non avvicinarsi o avere contatti con chi &...
13.07.2020
Sport