Ticino, 23 marzo 2020

"Non oso immaginare una Locarno senza il Moon and Stars e il film Festival"

Nelle scorse settimane la vita di praticamente tutti i ticinesi è cambiata radicalmente e ci siamo dovuti abituare ad una nuova realtà che, fino a poco fa, pochi potevano immaginare. Ma anche per le amministrazioni comunali, chiamate a dover provvedere improvvisamente a nuovi servizi, in particolare ai cittadini più anziani, e a garantire il funzionamento di quelli esistenti, la sfida non è stata da poco. Per avere un'idea di cosa ciò comporti abbiamo interpellato Bruno Buzzini, municipale di Locarno a capo del dicastero Ambiente e Territorio, a cui abbiamo chiesto come si è mossa l'amministrazione comunale in questo periodo difficile.

Emergenza Coronavirus. Ci può dire qualcosa sulla situazione a Locarno, dal punto di vista della salute pubblica? Che misure ha preso il municipio? Lei personalmente è soddisfatto dell'operato del municipio, o si aspetta misure più incisive?

Sono soddisfatto di quanto fatto finora in Municipio. Unitamente alla città di Lugano abbiamo anticipato la sospensione della frequenza obbligatoria per gli allievi delle Scuole elementari e d’infanzia rispetto alle decisioni del Consiglio di Stato e del Consiglio federale. Come noto continueremo comunque a garantire la formazione e l’accompagnamento ai bambini per coloro che non potranno tenerli a casa, evitando in questo modo il contatto con la fascia di popolazione più a rischio, penso in particolare ai nonni.

Inoltre da lunedì scorso è attivo un servizio di consegna a domicilio di spesa e farmaci disponibili per tutti gli anziani e le persone vulnerabili (raggiungibile al numero 091 756 31 91, tutti i giorni dalle 8:30 alle 12, eccetto i festivi), in modo da permettere loro di rispettare le disposizioni e rimanere a casa, evitando così situazioni a rischio di contagio. Abbiamo adottato pure altre misure come ad esempio la messa a disposizione di posteggi, a titolo gratuito, per il personale medico e infermieristico. Mi unisco anch’io agli innumerevoli appelli: stiamo a casa, mantenere la distanza è l’unico modo per proteggerci. Quando tutto sarà finito potremo di nuovo abbracciare i nostri cari e amici.


Per poter provvedere, in così poco dopo, a così tante persone è stato sufficiente il personale dell'amministrazione comunale?

In parte questi nuovi servizi vengono coperti dal personale dell'amministrazione comunale, ma non sarebbe stato possibile senza l'aiuto di decine di volontari che si sono messi a disposizione. Volontari a cui, ci teniamo dirlo, va tutta la nostra riconoscenza.

Per quel che riguarda i servizi ordinari, c'è stato qualche cambiamento?

Al momento garantiamo un servizio minimo, pulizia e smaltimento rifiuti, ecc. la raccolta dei rifiuti solidi urbani, carta e scarti vegetali è garantita secondo lo specifico calendario. L'unica differenza di nota è che l'ecocentro (ingombranti) della Morettina al momento è chiuso. Gli ecopunti, dove si effettua la raccolta separata come carta, vetro o alluminio, sono ovviamente sempre a disposizione dei cittadini.

L'attuale situazione comporta per moltissimi cittadini lo stop dell'attività professionale, e per non pochi di loro questo si traduce in entrate mancanti. Il Municipio di Locarno ha pensato ha delle misure per venire incontro a chi, per forza di cose, andrà incontro a difficoltà finanziarie?

Siamo consapevoli che per molti locarnesi le settimane, se non i mesi, a venire comporteranno difficoltà finanziare di cui non hanno nessuna colpa. Per questo abbiamo deciso di prolungare i termini di pagamento dei conguagli di imposte da 30 a 60 giorni, misura è valida fino a nuovo avviso. Inoltre abbiamo sospeso gli interessi di ritardo sulle richieste di acconto delle imposte 2020 e anche questo provvedimento è valido fino a nuovo avviso. In caso di un’eventuale reintroduzione degli interessi di ritardo, gli stessi verranno calcolati unicamente a decorrere dalla data della decisione e non in maniera retroattiva. Infine verranno sospensi i contenziosi fino a fine aprile in ambito di tasse e imposte (emissione di richiami, diffide e precetti esecutivi). A dipendenza dell’evolversi della situazione, tale provvedimento sarà in seguito rivalutato.

Evidentemente è ancora troppo presto per quantificare le conseguenze economiche, ma può dirci qualcosa a riguardo? È preoccupato per lo svolgimento degli eventi estivi che si tengono a Locarno?

Sono seriamente preoccupato. Tutti gli eventi previsti sono annullati, penso in particolare alla rinomata Festa delle Camelie, proprio perché la rassegna si sarebbe dovuta svolgere in questi giorni. Ora stiamo vivendo una situazione oserei dire quasi surreale. Da giorni la Piazza Grande è desolatamente vuota, come del resto tutti i luoghi pubblici in Ticino. Non sappiano ancora quanto questa situazione durerà, ma di certo le conseguenze economiche saranno ingenti, sia in ambito pubblico che privato. Per l’estate? Non oso immaginare una Locarno senza i concerti di Moon and Stars e Locarno Film Festival. In ogni caso, non abbiamo al momento informazioni su eventuali conferme o annullamenti.

kc

Guarda anche 

Il Covid ci mette lo zampino: annullata la Spengler

DAVOS – Niente da fare, la Coppa Spengler alza bandiera bianca. Il tradizionale appuntamento con l’hockey natalizio, che attira l’attenzione degli amant...
29.09.2020
Sport

In più di 1000 sugli spalti: ecco come sarà

RIVERA – La fatidica data dell’1 ottobre è dietro l’angolo e con essa la ripresa del campionato di hockey e l’aumento potenziale dei tifosi...
28.09.2020
Sport

Covid sul ghiaccio: sospesa l’amichevole dei Rockets

BIASCA - Un caso di Covid-19 ferma i Ticino Rockets: l’esito del tampone è giunto mentre i biaschesi erano in pista in amichevole contro l’EVZ Academy....
17.09.2020
Sport

Bufera sul calcio: via libera a schierare giocatori positivi

ASUNCION (Paraguay) – Una decisione clamorosa che non può che far discutere: mentre gli stadi restano per la maggior parte chiusi, o vengono riaperti sono in...
18.09.2020
Sport