Sport, 23 marzo 2020

Coronavirus. “Allo stadio? Ci torneremo nella primavera 2021!”

Amarissima la previsione del virologo tedesco Christian Drosten

BERLINO (Germania) – Stadi vuoti, partite a porte chiuse, niente tifosi e niente calore e colori sugli spalti. Se lo immagina così lo sport per il prossimo anno Christian Drosten, uno dei massimi virologi tedeschi, intervistato da “Stern”.

La pandemia del coronavirus sta tenendo nella sua morsa l’intero mondo, compreso quello sportivo, che deve fare i conti anche con la propria economia, con contratti da rispettare, con contratti in scadenza, con sponsorizzazioni e diritti tv. Si tornerà ovviamente a giocare, ma.. senza tifosi.

“Non credo affatto che quando si tornerà a giocare gli impianti saranno pieni di tifosi. Tutti i sostenitori dovranno attendere fino alla prossima primavera prima di tornare sugli spalti. Le cose belle della vita, ma non di rilevanza assoluta, dovranno essere evitate a lungo”, ha spiegato proprio Drosten.

Non una bella previsione non solo per quei tifosi che fremono per poter tornare sugli spalti a incitare i propri idoli, ma anche per i giocatori stessi e per le casse delle società sportive.

Guarda anche 

Da oltre Gottardo regna l’indifferenza e la maleducazione!

Mettiamo che un giorno la Svizzera fosse travolta da una malattia letale, molto contagiosa che però rimane principalmente confinata alla parte tedesca del paese. I...
10.04.2020
Opinioni

Si dichiarano diplomatici e mettono in difficoltà il carabiniere a un controllo (VIDEO)

In queste settimane di emergenza coronavirus uscire di casa per gli italiani è diventato decisamente complicato. Per uscire di casa, qualsiasi sia il motivo, il ci...
10.04.2020
Mondo

Boris Johnson è uscito dalla terapia intensiva

Il primo ministro britannico Boris Johnson è uscito giovedì dal reparto di terapia intensiva dell’ospedale St. Thomas di Londra, dove era stato ricove...
10.04.2020
Mondo

"La peggiore crisi economica dalla Grande Depressione"

"La peggiore crisi economica dalla Grande Depressione" del 1929. Questa è la triste previsione della direttrice generale del Fondo monetario internaziona...
09.04.2020
Mondo