Ticino, 18 marzo 2020

Coronavirus. Massima attenzione sull’economia e mondo del lavoro cantonale

*Comunicato stampa Associazione TiSin- L’Organizzazione per il lavoro in Ticino (TiSin) ritiene che dal profilo economico e sociale le vere vittime del coronavirus rischiano di essere i lavoratori e le lavoratrici dei settori più deboli, le piccole imprese e gli artigiani, i fornitori indipendenti di prestazioni e servizi, le persone assoggettate a contratti precari a ore e su chiamata o con contratti i cui salari sono stabiliti a provvigione, sulla base di obiettivi prefissati prima degli eventi disastrosi conseguenti al coronavirus.

Oltre alle piccole e medie imprese ticinesi, stiamo parlando di buona parte del personale di vendita, venditori indipendenti e rappresentanti di vendita, impiegati (venditori) d’assicurazione addetti ai servizi clienti e all’acquisizione di nuovi assicurati, nonché altre categorie soggette a rapporti contrattuali precari con bassi salari e vuoti di contenuti sociali.
Per tali ragioni, TiSin sostiene pienamente la presa di posizione dell’Associazione degli imprenditori ticinesi (ImprendiTi), inviata al Consiglio di Stato a sostegno degli imprenditori ticinesi in difficoltà.
Preoccupata della situazione e per le conseguenze che in futuro ricadranno sul mondo del lavoro ticinese, TiSin chiede massima attenzione verso le piccole realtà imprenditoriali che fanno parte del tessuto economico cantonale e massima vigilanza, dunque, da parte degli organi cantonali preposti all’applicazione e al rispetto dei disposti emanati dal Governo a sostegno dell’economia e del lavoro.

TiSin chiede che il Governo si adoperi in modo più determinato affinché gli artigiani, le piccole e medie imprese,
così come tutto il settore del piccolo commercio, alberghiero e della ristorazione siano sostenuti economicamente fintanto che l’economia di mercato non riprenda il suo corso a livello cantonale, nazionale e internazionale.
Inoltre, che si faccia carico, emanando disposizioni mirate, di quella fascia di lavoratori e lavoratrici che sono assoggettati a contratti di lavoro precari, esageratamente iniqui dal profilo sociale a salariale, quindi a rischio di scivolare in uno stato di assistenza e di povertà.

Alla luce dei provvedimenti adottati a sostegno dell’economia e delle imprese, è auspicabile che il Governo sviluppi una politica più attenta alle peculiarità della Regione, sensibilizzando anche i responsabili delle grandi e medie imprese, soprattutto quelle che usufruiscono di agevolazioni (dirette o indirette) pubbliche, affinché si assumano le dovute responsabilità sociali sviluppando politiche imprenditoriali più consone al territorio, all’economia e al tessuto lavorativo cantonale.
In tale ottica e sull’immediato, TiSin non può esimersi dal chiedere con fermezza alle grandi e medie imprese della distribuzione in primis (Migros, Coop, Manor, Aldi e Lidel che in Ticino fatturano oltre un miliardo di franchi), che paradossalmente stanno traendo enormi vantaggi dalla triste situazione che si è venuta a creare, di annullare ogni misura tesa a ridurre (licenziare) la manodopera locale e di trasformare i loro contratti di lavoro precari in contratti a tempo pieno completi del salario mensile e dei contenuti sociali, di cui una buona parte del personale di vendita ticinese è stato cinicamente privato a scopo di bieco profitto delle imprese.

Per informazioni: info@tisin.ch

Guarda anche 

Brasile, Copa America al via con il paese in ginocchio

BRASILIA (Brasile) - Nelle socrse settimane la Conmebol (la federazione sudamericana di calcio) ha chiesto al Brasile di organizzare la Copa America 2021 in sostituz...
14.06.2021
Sport

“Se Renzetti se ne va il calcio ticinese ci perde”

LUGANO - Il responsabile tecnico della federazione ticinese Livio Bordoli non ha dubbi: per il nostro calcio la prossima potrebbe essere la stagione della svolta. H...
24.05.2021
Sport

VIDEO - Ristoranti aperti solo all’esterno? Non ha spazio e fa mangiare i clienti sul wc!

NAPOLI (Italia) – In Italia, così come alle nostre latitudini, dovremo aspettare ancora qualche giorno per poter recarci al ristorante e poter pranzare o cen...
20.05.2021
Magazine

Ha il Covid ma prende i trasporti pubblici e va al lavoro: 1'600 franchi di multa

Sono 77 i decreti d’accusa finora emessi nel canton Argovia per violazione delle norme anti-Covid. Tra di essi, come riporta oggi la Aargauer Zeitung, ce ne sono al...
15.05.2021
Svizzera