Ticino, 11 marzo 2020

Nasce TiSin, l'associazione dalla parte dei lavoratori residenti

*Comunicato stampa Associazione TiSin

Il Ticino vive un momento di grande difficoltà, come la maggior parte dei paesi occidentali e in particolar modo l’Italia. Un momento che crea incertezza e comprensibile paura. Un momento delicato.

L’avvento del virus Covid-19 ha reso chiaro, anche a chi forse non voleva capire, che il Ticino ha investito troppo sul lavoro dei frontalieri. Troppi rami della nostra economia dipendono da lavoratori di uno Stato estero che impedisce, in situazioni di crisi come questa, scelte di buon senso per la tutela della salute pubblica. Si è sempre detto che il personale locale non è abbastanza formato. Abbiamo assistito alla sostituzione dei residenti per effetto dumping. Si è infine giunti addirittura a dire che il personale medico, o altamente specializzato, non si trova con facilità in Ticino, continuando però a limitare le possibilità di formazione (come nel caso di medici e infermieri). Oggi, questa crisi, ci regala una storia del tutto nuova. L’EOC
ricerca personale sociosanitario residente.

Lo stesso personale ritenuto, solo qualche settimana fa, introvabile sul nostro territorio. Personale al quale oggi si chiede di dare responsabilmente una mano, con un contratto a ore e squisitamente precario, per poi essere, con ogni probabilità, dimenticato una volta finita l’emergenza sanitaria. È notizia fresca della ricerca spasmodica di persone in disoccupazione pronte a prendere servizio nelle aziende, le stesse che han speculato sul lavoro frontaliere ritenendo questi stessi lavoratori non abbastanza formati. L’Associazione TiSin nasce anche per questo.

Non lasceremo che i lavoratori del settore sociosanitario residenti siano usati à la carte. Non permetteremo che i nostri disoccupati vengano sfruttati come meri tappabuchi. Inadeguati fino a ieri, improvvisamente utili oggi. Saremo al loro fianco in questo delicato momento nel quale è richiesto un sacrificio. Ci batteremo per loro. Oggi, ma soprattutto domani, perché il mercato del lavoro ticinese torni nelle mani dei residenti!

Guarda anche 

Fermato in dogana con una grande collezione di francobolli non dichiarata

Durante un recente controllo, i collaboratori dell’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (UDSC) hanno fermato un cittadino svizzero per ome...
03.02.2023
Ticino

Gobbi: "Il sistema democratico è in difficoltà"

La democrazia è in crisi, la gente non va più a votare ma al contempo contesta le scelte dei Governi. Il concetto espresso da Norman Gobbi nel suo d...
03.02.2023
Ticino

Chiasso, viaggiava sul treno con 750mila franchi non dichiarati: fermato

Importante sequestro a Chiasso, dove un uomo è stato fermato dalla Guardia di Finanza con 750mila franchi non dichiarati. L'operazione rientra nella lotta l...
03.02.2023
Ticino

Robbiani: "Per l’ECAM esiste un'unica azienda di onoranze funebri?"

*Interrogazione al Municipio di Mendrisio di Massimiliano Robbiani Il mercato delle onoranze funebri nelle Case Anziani del Mendrisiotto e Basso Ceresio, dati all...
31.01.2023
Ticino