Sport, 15 marzo 2020

Coronavirus. Follia in Argentina: il River si rifiuta di giocare, la Lega: “Lo sanzioneremo”

È scontro totale tra il club di Buenos Aires e la federazione argentina

BUENOS AIRES (Argentina) – È scontro aperto ed è diventato ormai un caso: il faccia a faccia serrato tra River Plate e Lega Calcio argentina sta facendo discutere tutti. I Milionarios hanno annunciato che non scenderanno in capo per la sfida di Copa de Superliga contro l’Atletico Tucuman a causa dell’emergenza coronavirus.

“Seguiamo ciò che consiglia l’OMS e un nostro giocatore ha i sintomi”, ha spiegato il club di Buenos Aires. Da parte sua la Federazione argentina ha sottolineato: “L’atteggiamento unilaterale della società sarà passibile di sanzioni”.

In Argentina ci sono 34 contagi e il Governo ha deciso di far disputare le partite a porte chiuse.
In realtà tutti gli altri club sono tacitamente d’accordo col River, ma i Milionarios ora rischiano un dura sanzione: stando all’articolo 109 del Regolamento di Trasgressioni e Sanzioni, i biancorossi rischiano non solo la sconfitta a tavolino, ma anche 3 punti di penalizzazione e una multa.

Pazzesco!

Guarda anche 

Da oltre Gottardo regna l’indifferenza e la maleducazione!

Mettiamo che un giorno la Svizzera fosse travolta da una malattia letale, molto contagiosa che però rimane principalmente confinata alla parte tedesca del paese. I...
10.04.2020
Opinioni

Si dichiarano diplomatici e mettono in difficoltà il carabiniere a un controllo (VIDEO)

In queste settimane di emergenza coronavirus uscire di casa per gli italiani è diventato decisamente complicato. Per uscire di casa, qualsiasi sia il motivo, il ci...
10.04.2020
Mondo

Boris Johnson è uscito dalla terapia intensiva

Il primo ministro britannico Boris Johnson è uscito giovedì dal reparto di terapia intensiva dell’ospedale St. Thomas di Londra, dove era stato ricove...
10.04.2020
Mondo

"La peggiore crisi economica dalla Grande Depressione"

"La peggiore crisi economica dalla Grande Depressione" del 1929. Questa è la triste previsione della direttrice generale del Fondo monetario internaziona...
09.04.2020
Mondo