Svizzera, 05 febbraio 2020

Segnalavano radar e controlli su WhatsApp: denunciati in duecento

Duecento persone sono state denunciate dalla Polizia Cantonale di Berna per aver annunciato via WhatsApp i controlli della velocità e del traffico. L’indagine – scrive il 20 Minuten – è durata diversi mesi ed è nata dopo che la Polizia ha sequestrato il telefono di diversi utenti nell’ambito di un procedimento per altre infrazioni al codice della strada. Al portale, la portavoce dalla Polcom di Berna ha spiegato che le comunicazioni avvenivano tramite il noto sistema di messaggistica istantanea. Sistema illegale per quanto riguarda annunci pubblici.

Guarda anche 

Virus, dopo l'isteria arriverà l'insofferenza

La natura se ne impipa del maledetto virus. Alberi e prati sono rigogliosi. Dopo la recente gelata fuori stagione, le temperature sono tornate miti. Il sole splende e - c...
06.04.2020
Svizzera

Il Tribunale federale ordina il rilascio di un ladro perchè "con il Coronavirus c'è meno rischio di recidiva"

Indirettamente, l'epidemia di coronavirus ha permesso a un detenuto di ritrovare la libertà e lasciare la prigione Champ-Dollon (nella foto), nel canton Ginevr...
06.04.2020
Svizzera

Di Maio ringrazia la Svizzera

Pazienti Covid italiani in Svizzera? Non è escluso, anzi, Cassis ha aperto a questa possibilità, anche se difficilmente sarà in Ticino. Nel nostro...
05.04.2020
Svizzera

Il Consiglio federale valuta le strategie per uscire dalla crisi

La pressione per rilanciare l'economia svizzera sta diventando sempre più forte sul Consiglio federale. L'UDC, il PLR e le associazioni padronali chiedono ...
05.04.2020
Svizzera