Svizzera, 05 febbraio 2020

Segnalavano radar e controlli su WhatsApp: denunciati in duecento

Duecento persone sono state denunciate dalla Polizia Cantonale di Berna per aver annunciato via WhatsApp i controlli della velocità e del traffico. L’indagine – scrive il 20 Minuten – è durata diversi mesi ed è nata dopo che la Polizia ha sequestrato il telefono di diversi utenti nell’ambito di un procedimento per altre infrazioni al codice della strada. Al portale, la portavoce dalla Polcom di Berna ha spiegato che le comunicazioni avvenivano tramite il noto sistema di messaggistica istantanea. Sistema illegale per quanto riguarda annunci pubblici.

Guarda anche 

Svizzera, c'è il secondo caso di coronavirus

C’è un secondo caso confermato di coronavirus in Svizzera. Si tratta di un informatico di 28 anni residente a Ginevra, da poco tornato da Milano. Lo ha indic...
27.02.2020
Svizzera

Coronavirus, l'Italia sospende Dublino e i rinvii di richiedenti l'asilo

Tramite un comunicato trasmesso ieri ai media, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha reso noto che l'Italia ha deciso unilateralmente di sospendere, fino a...
27.02.2020
Svizzera

Coronavirus in Ticino, i 'cugini' d'oltrealpe: "Chiudete il Gottardo"

L’ufficialità del primo caso di contagio da nuovo coronavirus in Ticino è arrivata ieri per bocca delle autorità federali. In un secondo moment...
26.02.2020
Svizzera

Vedemmia 2019, meno vino ma di buona qualità

Dalla vendemmia 2019 i viticoltori svizzeri hanno ottenuto quasi 98 milioni di litri. Il volume del raccolto è di poco inferiore alla media decennale, però ...
25.02.2020
Svizzera