Ticino, 04 febbraio 2020

"Se potessi libererei il macello dai molinari"

Mancano poco più di due mesi alle elezioni comunali e, fra alcune settimane, i ticinesi dovranno scegliere i loro rappresentanti in Consiglio comunale e in municipio. Ma chi sono i candidati e, soprattutto, cosa vogliono cambiare del loro comune? Nelle prossime settimane incontreremo alcuni di loro per conoscerli meglio e scoprire quali sono le loro idee.

Il primo che abbiamo incontrato è Andrea Sanvido, candidato uscente al Consiglio comunale che in aprile si ripresenta per un nuovo mandato.


Signor Sanvido, che cosa fa quando non è candidato? Si potrebbe presentare brevemente?


Mi chiamo Andrea Sanvido ho 33 anni, convivo con Noemi e abbiamo uno splendido bambino di 2 anni e mezzo. Ci siamo conosciuti in banca dove lavoro da 12 anni, occupandomi di clientela privata individuale.

Nel mio tempo libero adoro correre e allenarmi in palestra, sono appassionato di sport e grandissimo tifoso del FC Lugano e del Milan.  


Quali sono, a suo avviso, le priorità di Lugano? Cosa cambierebbe se ne avesse la facoltà?

A mio avviso le priorità di Lugano devono essere l’attenzione
particolare alla disoccupazione e l’assistenza, un fenomeno sempre più presente, non ci rendiamo davvero conto che ci sono tanti luganesi che non arrivano alla fine del mese.

Un altro punto fondamentale è promuovere la nostra città all’estero come meta turistica e per viverci, abbiamo tutto a portata di mano ma non riusciamo ancora a sfruttare tutto il nostro potenziale.

Un’altra priorità devono essere i grandi progetti, su tutti il polo sportivo e quello culturale. Se avessi la facoltà libererei la zona del macello trovando ai molinari un’altra sistemazione che non sia quella attuale.


Perchè i luganesi dovrebbero votarla?

Perché sono umile e semplice, a me piace ascoltare le persone e cercare di trovar loro una soluzione alle loro difficoltà. Collaboro bene anche con tutti, per me non è importante da quale partito nascono le idee, ma come possiamo portarle a termine se favoriscono i luganesi. Da quando sono in consiglio comunale ho lavorato cercando di rappresentare tutte le fasce di età, la preferenza indigena ad esempio nasce da una mia mozione.  

kc

Guarda anche 

Lugano, eccoti la pausa più dolce possibile

LUGANO – YB 35 punti. Servette, secondo, 25. La classifica di Super League, per quanto concerne la lotta per il titolo, sembra bella che impacchettata: andare a pre...
14.11.2022
Sport

Prima di Steffen ci fu Vivas: ma sono già passati 24 anni

LUGANO - Prima di Renato Steffen, chiamato da Murat Yakin per gli imminenti Mondiali del Qatar, chi è stato l’ultimo bianconero ad essere convocato per ...
14.11.2022
Sport

Ribattere il Winterthur e poi tutti in pausa felici

LUGANO - Pausa: Il campionato del Lugano - e delle altre 9 compagini di Super League - termina oggi. Alle 16.30 a Cornaredo si rivede il Winterthur, già ...
13.11.2022
Sport

Nel segno di Mattia: Bottani regala il Sion ai campioni in carica

LUGANO – Doveva esserci il tutto esaurito a Cornaredo. Doveva esserci il pienone che la Coppa Svizzera vinta a maggio meritava. A Cornaredo ieri sera doveva esserci...
10.11.2022
Sport