Ticino, 04 febbraio 2020

"Se potessi libererei il macello dai molinari"

Mancano poco più di due mesi alle elezioni comunali e, fra alcune settimane, i ticinesi dovranno scegliere i loro rappresentanti in Consiglio comunale e in municipio. Ma chi sono i candidati e, soprattutto, cosa vogliono cambiare del loro comune? Nelle prossime settimane incontreremo alcuni di loro per conoscerli meglio e scoprire quali sono le loro idee.

Il primo che abbiamo incontrato è Andrea Sanvido, candidato uscente al Consiglio comunale che in aprile si ripresenta per un nuovo mandato.


Signor Sanvido, che cosa fa quando non è candidato? Si potrebbe presentare brevemente?


Mi chiamo Andrea Sanvido ho 33 anni, convivo con Noemi e abbiamo uno splendido bambino di 2 anni e mezzo. Ci siamo conosciuti in banca dove lavoro da 12 anni, occupandomi di clientela privata individuale.

Nel mio tempo libero adoro correre e allenarmi in palestra, sono appassionato di sport e grandissimo tifoso del FC Lugano e del Milan.  


Quali sono, a suo avviso, le priorità di Lugano? Cosa cambierebbe se ne avesse la facoltà?

A mio avviso le priorità di Lugano devono essere l’attenzione particolare alla disoccupazione e l’assistenza, un fenomeno sempre più presente, non ci rendiamo davvero conto che ci sono tanti luganesi che non arrivano alla fine del mese.

Un altro punto fondamentale è promuovere la nostra città all’estero come meta turistica e per viverci, abbiamo tutto a portata di mano ma non riusciamo ancora a sfruttare tutto il nostro potenziale.

Un’altra priorità devono essere i grandi progetti, su tutti il polo sportivo e quello culturale. Se avessi la facoltà libererei la zona del macello trovando ai molinari un’altra sistemazione che non sia quella attuale.


Perchè i luganesi dovrebbero votarla?

Perché sono umile e semplice, a me piace ascoltare le persone e cercare di trovar loro una soluzione alle loro difficoltà. Collaboro bene anche con tutti, per me non è importante da quale partito nascono le idee, ma come possiamo portarle a termine se favoriscono i luganesi. Da quando sono in consiglio comunale ho lavorato cercando di rappresentare tutte le fasce di età, la preferenza indigena ad esempio nasce da una mia mozione.  

kc

Guarda anche 

Lugano da pazzi: 15’ di follia che costano punti e serenità

LUCERNA – È proprio vero. Il calcio è strano, il calcio è vario, il calcio è bello perché in pochi istanti può cambiare tu...
13.07.2020
Sport

Dal Lugano all'Ambrì: "Sono pronto a far parte del mondo leventinese"

LUGANO - La notizia dell’ingaggio di Jörg Eberle tecnico giovanile dell’Ambrì Piotta non ha lasciato insensibili tifosi bianconeri ...
13.07.2020
Sport

Paulo Henrique Andrioli: “A Lugano ho lasciato il cuore. Grecia? Passione e ossessione”

È un freddo mattino del 2 febbraio 1992. Stadio di Cornaredo, Lugano ha ripreso da alcuni giorni preparazione la seconda fase del massimo campionato &E...
12.07.2020
Sport

Coronavirus: lo Zurigo fa tremare la Super League. Rischio fallimento?

ZURIGO – Si sta allargando a macchia d’olio la presenza del COVID-19 nel massimo campionato svizzero di calcio – e non solo, visto che anche la Challeng...
12.07.2020
Sport