Sport, 02 febbraio 2020

Maric: “Mancata la fortuna e la VAR...”. Renzetti: “La punta arriva, ma sono preoccupato”

Il difensore del Lugano e il presidente sono intervenuti al margine del pareggio maturato in caso contro lo Xamax, dopo una prestazione tutt’altro che entusiasmante da parte dei bianconeri

LUGANO – Si poteva fare di più, ma si poteva anche ottenere di meno, molto di meno. È questo il pensiero che unisce – anche se in modi diversi – giocatori e staff dirigenziale del Lugano dopo il pareggio interno ottenuto contro lo Xamax. La sfida contro i neocastellani era una di quelle da vincere a tutti i costi, per staccare definitivamente le candidate a giocarsi lo spareggio e/o la retrocessione, ma ieri sera i bianconeri hanno offerto una brutta prestazione, che ha messo in evidenza tutti i loro limiti. “Nel secondo tempo li abbiamo messi sotto, ma non è un’occasione persa – ha spiegato il bomber della squadra, Maric – Ci voleva un po’ di fortuna, ma onestamente Baumann ci ha salvati con due grandissimi interventi. Quindi prendiamoci questo punto e andiamo avanti”.

Quel Baumann che settimana scorsa era stato criticato dopo la sfida di San Gallo…
Ha reagito alla grande, sta crescendo e sta maturando. Siamo contenti di averlo alle nostre spalle, perché ci dà una grande sicurezza anche in partite come queste, quando dopo pochi minuti perdi due giocatori importanti… ma alla fine siamo usciti tutti a testa alta.

Nel primo tempo avete sofferto il loro gioco e il loro stare in campo…
Siamo entrati un po’ tesi, loro erano messi bene in campo e non abbiamo trovato quel ritmo che poi abbiamo mostrato nel secondo. Anche i due cambi forzati ci hanno destabilizzato un po'.

Cosa vi è mancato?
Sicuramente un po’ di fortuna e forse anche l’arbitro… Anche sul rigore, davvero non capisco come funzioni la VAR. Io ero a un metro e il rigore non mi sembrava così evidente: se la situazione è dubbia dovrebbero andarla a rivedere sempre, anche per rispetto di noi o della squadra che subisce la sanzione.

Alle parole del numero 5 bianconero hanno fatto seguito quelle del presidente Renzetti che ha accolto di buon occhio il punto ottenuto. “Per come si era messa la partita, con gli infortuni dei due giocatori più tecnici e rappresentativi che abbiamo poteva andare molto peggio. Certo Baumann questa volta è stato determinante, ma è palese che ci manchi qualcosa davanti”.

Intervenire sul mercato risulta quindi una priorità...
La punta arriva lunedì, ma non faccio nomi finché non sarà ufficiale. Ma in ogni caso sono preoccupato: a Thun non avremo né Bottani né Sabbatini….

Guarda anche 

Anche a porte chiuse il Casinò Lugano non si ferma.... si passa online!

L’11 marzo il Casinò ha chiuso le sue porte prima per lo “stato di necessità” stabilito dal Canton Ticino e poi per la “situa...
30.03.2020
Ticino

Con mascherine e guanti: il campionato continua!

MANAGUA (Nicaragua) – Mentre in giro per il mondo praticamente tutti i campionati di calcio sono stati sospesi – in Europa fa eccezione al Bielorussia –...
26.03.2020
Sport

“Il coronavirus: come un camion che ti investe. Eroi chi vive in 70mq con tre figli”

BIRMINGHAM (Gbr) – “Ho avuto i primi sintomi settimana scorsa, sono stati giorni difficili in cui ho preso ogni precauzione per non contagiare chi vive con me...
24.03.2020
Sport

Ora è ufficiale: Linus Klasen saluta il Lugano

LUGANO – Ormai era nell’aria, si attendeva soltanto il comunicato del Lulea e del Lugano, dopo che il suo agente aveva confermato di non aver ricevuto nessun&...
23.03.2020
Sport