Sport, 27 dicembre 2019

Colorato e rumoroso fuori, trionfale e vittorioso sul ghiaccio: la Spengler per l’Ambrì è già un successo

Il 4-1 ottenuto contro l’Ufa ieri ha mostrato il solito ottimo volto della squadra di Cereda, ma ha anche reso omaggio alla grande presenza dei tifosi leventinesi che hanno praticamente invaso Davos

DAVOS – Un famoso detto dice che “la prima volta non si scorda mai”. E probabilmente la prima partita dell’Ambrì alla Coppa Spengler resterà per sempre scolpita nei ricordi e nei cuori dello staff tecnico, dirigenziale, dei giocatori e dei tifosi dei leventinesi, ma non solo… Sì perché l’invasione biancoblù a Davos non è passata inosservata neanche agli occhi degli organizzatori del torneo, sorpresi in maniera positiva ed enorme dal folto pubblico leventinese capace di farsi notare ovunque.

Sulla Promenade, così come nelle strade di Davos, passando per l’esterno della Vaillant Arena o per il villaggio della Coppa Spengler… era impossibile non incontrare un tifoso con al collo i vessilli pronti a incitare Zwerge e compagni. La Casa biancoblù è un altro punto di ritrovo importante per tutto il torneo e, come indica il nome, i colori predominanti sono quelli dei leventinesi.

L’entusiasmo lo ha fatta da padrone anche sotto le volte dell’impianto e ha caricato a mille l’Ambrì capace di battersi, di combattere e di battere per 4-1 i russi dell’Ufa. Per carità, la formazione che milita in KHL è scesa ieri in pista senza 10 elementi che pochi giorni fa avevano giocato nelle prime tre linee nella sfida di campionato disputata proprio a Davos, ma quella vinta da Fora e compagni è stata una partita vera, intensa e lottata. Un gol in 5 contro 5, uno in shorthand, uno in powerplay e uno a porta vuota: l’Ambrì non si è fatto mancare nulla, mostrando tutte le sue abilità in ogni situazione.

Insomma, il momento positivo che la truppa di Cereda sta vivendo in campionato sta continuando anche in terra grigionese e guardare la Vaillant Arena assomigliare alla Valascia, per il calore del pubblico e i canti che si sono alzati alti verso il tetto dell’impianto, è valso assolutamente il costo del biglietto…

Guarda anche 

Monsieur Sébastien Reuille: l’uomo giusto al posto giusto

BIASCA - Tredici anni al servizio del Lugano e spesso da protagonista. Una medaglia d`oro al collo nel 2006 al fianco degli indimenticabili Nummelin, Peltonen e Metr...
21.09.2021
Sport

Lugano, il sogno Galchenyuk...

LUGANO - Un valido collega ticinese, l' indomani di Lugano-Bienne (3-5), ha scritto senza mezzi termini che il direttore sportivo bianconero Domenichelli dovrebb...
20.09.2021
Sport

Il “piccolo grande” Ajoie manda al tappeto l’Ambrì

PORRENTRUY - I miracoli succedono ovunque, anche in terra giurassiana e in particolare a Porrentruy, dove ieri sera il “piccolo grande” Ajoie ha steso un...
19.09.2021
Sport

Lugano e il problema dei “soli” 4 stranieri

LUGANO – Poche settimane prima dell’avvio della stagione, e con la Champions Hockey League che si stava avvicinando, alcuni rumors davano il Lugano sulla stra...
17.09.2021
Sport