Sport, 21 dicembre 2019

“Dovevamo ripulire la mente. I tre allenatori? Hanno fatto un lavoro enorme”

Alessio Bertaggia ha analizzato la vittoria ottenuta dal Lugano ieri contro il Bienne. Questa mattina verrà annunciato il nuovo head coach

LUGANO – Dopo una sconfitta da incubo nel derby, ieri sera il Lugano è riuscito a rialzare la testa. Allontanato Kapanen, sostituito al momento da Domenichelli – il nuovo head coach verrà annunciato e presentato questa mattina – i bianconeri in casa hanno battuto il Bienne. Un 6-3, quello maturato ieri sera alla Cornèr Arena, davvero ricco di emozioni, di reti e di spunti interessanti. Alla fine dei conti, però, lo spunto determinante è stato quello di Alessio Bertaggia che, sfruttando una papera colossale di Paupe, ha siglato in shorthand il 4-3.

“Ok, il gol è mio, ma la vittoria è di squadra – ci ha spiegato il numero 10 bianconero – Stiamo passando un momento difficile, non è semplice vivere periodi del genere. Dobbiamo anche pensare che due persone hanno perso il lavoro, non è bello. Ma dovevamo ripartire da questo cambio, dovevamo ripulire la mente e credo che la squadra abbia reagito bene: il secondo tempo potevamo giocarlo meglio, ma abbiamo cambiato sistema di gioco e un applauso va fatto ai tre allenatori perché non è facile entrare in uno spogliatoio dal nulla, sedersi in panchina e “dettare” legge e cambiare la mentalità di una squadra”.

Una partita ovviamente può dire tanto e poco: cosa pensi in questo momento?
Abbiamo disputato un solo match, dobbiamo concentrarci sul Davos.

Domenichelli ha ribaltato il Lugano cambiando tutte le linee…
Se le cose non vanno bene è giusto cambiare qualcosa. Sicuramente alcune linee funzionavano meglio di altre, ma andava bene così. Alla fine dobbiamo essere in grado di giocare con ogni compagno.

Guarda anche 

1'000 spettatori sulle tribune: siamo alla resa dei conti?

BERNA – In un clima sempre più del terrore, fatto di numeri (a volte non esattamente chiari), di futuro incerto e di un presente non limpido, la decisione pr...
19.10.2020
Sport

“Futuro tutto da scrivere Certo, la National League…"

BIASCA - È un ragazzo semplice, Loïc Vedova. Figlio di una terra di emigrati e di gente stoica come la Vallemaggia, sin da bambino ha cullato i...
19.10.2020
Sport

Una zona Cesarini che salva il Lugano

VADUZ - Marcis Oss, giocatore lettone cresciuto nello Spartaks e prestato allo Xamax nelle ultime due stagioni, ieri sera ha vestito i pan...
18.10.2020
Sport

Casinò Lugano “Giochiamo a tutto ma non con la salute”!

Dopo il lockdown della scorsa primavera il Casinò Lugano ha coniato un fortunato slogan che in questi mesi è diventato virale tanto...
17.10.2020
Ticino