Sport, 18 dicembre 2019

“Un derby di cui si parlerà per molto tempo…”, Dotti esalta il suo Ambrì

Il difensore leventinese ha analizzato il clamoroso successo colto contro il Lugano

AMBRÌ – Orgoglio, soddisfazione, gioia e… piedi per terra. In casa Ambrì dopo il roboante successo ottenuto ieri nel derby contro il Lugano c’è la consapevolezza di aver centrato una vittoria in qualche modo storica contro i cugini bianconeri, ma c’è anche la volontà di non volare troppo in alto con la testa e con le emozioni. “È stata una bella vittoria che va goduta il giusto, senza viaggiare esaltarci troppo – ha sottolineato Isacco Dotti – Il derby è sempre speciale, ma è pur sempre una sola partita, siamo a metà campionato: sono 3 punti importanti ma dobbiamo continuare così”.

Per il Lugano è stata una scoppola imbarazzante: voi come avete vissuto questo successo?
Ovviamente al contrario, è stato bello. Sono quelle partite in cui non dai nessuna possibilità al tuo avversario, ci sono entrati tutti i tiri, tutte le occasioni le abbiamo sfruttate, ma era ciò che volevamo.

Vi è riuscito praticamente tutto: vincere un derby così deve essere emozionante…
Assolutamente sì, fa davvero piacere. Immagino che per molti anni si parlerà di questo derby, visto che era da molto che l’Ambrì non ne vinceva uno così nettamente dal punto di vista del risultato. Sicuramente sarà qualcosa che resterà nella memoria dei nostri tifosi.

Ti ha impressionato di più la vostra super prestazione o quella pessima del Lugano?
L’avversario va rispettato, ma lo si guarda relativamente: bisogna guardare noi stessi. A noi è andato bene tutto e immagino che per loro era difficile restare con la testa alta e l’umore a mille. Ma era ciò che volevamo.

Guarda anche 

1'000 spettatori sulle tribune: siamo alla resa dei conti?

BERNA – In un clima sempre più del terrore, fatto di numeri (a volte non esattamente chiari), di futuro incerto e di un presente non limpido, la decisione pr...
19.10.2020
Sport

“Futuro tutto da scrivere Certo, la National League…"

BIASCA - È un ragazzo semplice, Loïc Vedova. Figlio di una terra di emigrati e di gente stoica come la Vallemaggia, sin da bambino ha cullato i...
19.10.2020
Sport

Una zona Cesarini che salva il Lugano

VADUZ - Marcis Oss, giocatore lettone cresciuto nello Spartaks e prestato allo Xamax nelle ultime due stagioni, ieri sera ha vestito i pan...
18.10.2020
Sport

Casinò Lugano “Giochiamo a tutto ma non con la salute”!

Dopo il lockdown della scorsa primavera il Casinò Lugano ha coniato un fortunato slogan che in questi mesi è diventato virale tanto...
17.10.2020
Ticino