Svizzera, 16 dicembre 2019

Paratleta molestata e derubata sul treno da un gruppo di migranti

Erika Kälin è quasi completamente cieca, con una visione del tre percento in un occhio e dell'otto percento nell'altro. Come sciatrice di fondo, la paratleta ha vinto numerosi premi tra cui l'oro e argento ai Giochi olimpici invernali 2017.

Kälin e un suo amico hanno passato un brutto momento sabato sera al rientro da una gara quando un gruppo di migranti ubriachi è salito sul treno in cui si trovavano.
Sono le 18 di sabato, quando Erika Kälin di Einsiedeln sale sull'InterRegio diretto a Zurigo. Il suo amico Reinhard Schütz (55) la accompagna. I due atleti appassionati sono appena tornati da una gara a Langentahl, dove sono saliti.

Non ci sono molti passeggeri nel compartimento. "All'inizio c'erano ancora poche persone", racconta Erika al Blick, che riferisce dell'accaduto. Ad Olten i due si ritrovano praticamente soli sul treno. "All'improvviso eravamo quasi soli", continua Kälin. Improvvisamente un gruppo di di uomini salì nella loro carrozza.

"Hanno corso diverse volte sul treno e alla fine ce li siamo ritrovati alle spalle. A posteriori, mi è chiaro che stavano cercando una vittima." Gli uomini si parlano a voce alta, in una lingua che i due non capiscono. "Avevano vino, birra o grappa con loro e puzzavano di alcol."
Erika Kälin appende la giacca al gancio accanto al suo sedile. All'improvviso sente un fruscio. Erika controlla le tasche della giacca e si rende conto che il suo astuccio contenente le chiavi di casa è scomparso. La donna lo cerca disperatamente per terra, con il suo accompagnatore che lo aiuta." Ha iniziato a piangere, racconta l'amico di Erika, Reinhard Schütz. "Un uomo del gruppo ha poi fatto finta di aiutarla nella sua ricerca. L'ha palpeggiata da dietro nella zona inguinale."

Reinhard vuole evitare che la situazione degeneri. Cerca di mantenere la calma. "Ma poi l'uomo stringe Erika all'altezza delle parti intime. Ho dovuto reagire." L'uomo di 55 anni allora spinge l'individuo per allontanarlo dalla donna. "Questo ragazzo mi ha toccato ovunque", dice Erika. “È stato uno shock. Sono stato molto contento che il mio amico fosse lì e mi abbia protetto".
Reinhard ha poi subito informato la polizia dei trasporti della situazione. All'arrivo della stazione centrale di Zurigo, gli agenti sono in attesa del treno sul binario e subito arrestano tre uomini del gruppo.

La polizia cantonale di Zurigo, responsabile della sicurezza della stazione centrale, conferma l'arresto. Uno degli uomini ha confessato. Secondo il pubblico ministero, l'autore delle molestie è un 31enne marocchino..

Secondo il portavoce Erich Wenzinger, il 31enne ha sputato su un ufficiale di polizia mentre era in loro custodia. Gli altri due uomini fermati sono stati invece rilasciati senza accuse.

Guarda anche 

Coronavirus: il pallone non rotola, il calcio svizzero si ferma

BERNA - Se l'hockey ha deciso di andare avanti per la sua strada - anche a causa del calendario molto stretto - e di disputare comunque le ultime partite della regula...
28.02.2020
Sport

Gli svizzeri si sposano di meno e fanno meno figli, mentre aumentano i decessi

Sono sempre di meno le nascite in Svizzera, mentre diminuiscono i matrimoni e aumentano i decessi e i divorzi. Le nascite sono diminuite del 4,4% nel 2019 pari a 83'9...
24.02.2020
Svizzera

Due rapinatori ultraviolenti condannati a 16 e 14 anni di carcere

L'11 dicembre 2017, camminando nel cuore della notte in una via di Ginevra, un uomo era stato preso di mira da due delinquenti che volevano derubarlo. Armati di colte...
24.02.2020
Svizzera

Quasi la metà della popolazione svizzera vive in un'economia domestica indebitata

Fatture non saldate, leasing o ipoteche: oltre il 40% della popolazione svizzera nel 2017 viveva nel in una famiglia con almeno un debito. Le famiglie numerose, i disoccu...
18.02.2020
Svizzera