Sport, 12 dicembre 2019

La classifica piange… ma che derby che ci aspetta!

La vittoria ottenuta martedì sul complicato ghiaccio di Davos ha permesso all’Ambrì di tornare prepotentemente in corsa per i playoff portando a -2 dal Lugano con una partita in meno

AMBRÌ/LUGANO – Non è una pausa per la Nazionale come tante altre questa per Lugano e Ambrì. Non saranno giorni facili e semplici per le due formazioni del nostro Cantone: alla ripresa delle ostilità alla Valascia si disputerà il quarto derby stagionale. Una sfida carica di significato, una sfida ricca di punti interrogativi e che potrebbe davvero cambiare la classifica delle due compagini ticinesi.

Il Lugano, che in stagione ha già perso 2 derby (di cui uno in casa), arriverà in Leventina con uno Schlegel in più e forse con un McIntyre da gettare nella mischia. I bianconeri, reduci da 2 vittorie nelle ultime 3 sfide, sembrerebbero aver trovato un minimo di fiducia e un’apparente quadratura del cerchio. Sarà a Chiesa e compagni confermare quanto visto contro Friborgo e Zurigo e, se possibile, fare meglio, non dovendo per forza ricorrere ai miracoli di “San Zurkirchen”. La strada verso i playoff e verso una serenità mentale e di gioco è ancora lunga e sfide come questa che si sta avvicinando possono dire molto.

L’Ambrì, dal canto suo, potrà far valere il fattore pista e l’entusiasmo per la vittoria in trasferta ritrovata in settimana sul complicato ghiaccio di Davos. 2 successi consecutivi, dopo quello ottenuto a Zugo, che hanno ridestato tutte le possibilità dei leventinesi di giocarsi le loro carte per accedere ai playoff: con una partita in meno del Lugano giocata e con 2 punti a recuperare ai bianconeri, ecco che è tutto possibile. Cereda ha finalmente recuperato anche Sabolic e potrà permettersi di schierare tutti i suoi stranieri che fin qui (eccezion fatta per Upshall), soprattutto grazie a D’Agostini, stanno facendo molto bene (a differenza di quanto accade in riva al Ceresio). Certo l’assenza di Conz potrebbe pesare, ma la voglia di Manzato di mettersi in mostra contro la sua ex squadra potrà rappresentare un fattore importante.

Guarda anche 

Tu chiamale follie da calendario: in LNA una classifica che non rispecchia la realtà

LUGANO – 55 punti in 40 partite, 6° posto in campionato: se il bottino ottenuto fin qui in campionato dal Lugano non è certo da montarsi la testa, la pos...
23.01.2020
Sport

“A Lugano ho fatto degli errori… Il ballo e la cucina: dopo l’esonero ero carico”: Celestini parla del suo addio

LUCERNA – La scorsa primavera era l’allenatore che per la seconda volta in tre anni aveva riportato il Lugano in Europa League, pochi mesi dopo Fabio Celestin...
23.01.2020
Sport

Una nuova agenda congiunta della Città e di Lugano Region per la promozione degli eventi

LUGANO- È stata presentata oggi in una conferenza stampa a Villa Ciani la nuova agenda degli appuntamenti di Lugano e del Luganese. Frutto del lavoro congiunto ...
21.01.2020
Ticino

Più soldi e meno carriera: la scelta di Junior fa felice il suo portafoglio

LUGANO – “Non voglio più giocare a Lugano, voglio guadagnare di più”. Con queste parole, più o meno, Junior ha messo Angelo Renzett...
21.01.2020
Sport