Mondo, 05 dicembre 2019

La Francia si ferma, ha inizio lo sciopero generale che paralizzerà il paese

È iniziato oggi giovedì 5 dicembre lo sciopero generale in Francia in protesta al progetto di riforma delle pensioni del presidente Emmanuel Macron. Trasporti bloccati, scuole chiuse e quasi 250 manifestazioni in programma: la protesta dovrebbe paralizzare l'intero paese.

I manifestanti protestano contro il "sistema universale" delle pensioni per punti, che dovrebbe sostituire i 42 regimi esistenti (funzionari pubblici, privati, regimi speciali e complementari). Se il governo promette un sistema "più leggibile" e "più equo", gli avversari denunciano una "precarizzazione" dei pensionati.

I sindacati hanno invitato tutti i settori a esprimere la loro insoddisfazione. "Dobbiamo paralizzare l'economia", ha affermato Christian Grolier, rappresentante del sindacato Force Ouvrière.

E così sarà: il 90% dei treni TGV e l'80% dei treni regionali sono cancellati, 11 linee della metropolitana di Parigi sono chiuse. Giovedì nero anche in prospettiva nei trasporti a Strasburgo, Bordeaux, Marsiglia, Nantes e Lille.

Lo sciopero avrà ripercussioni dirette anche in Svizzera: giovedì, è previsto solo un viaggio Parigi-Basilea (partenza da Parigi 7:23, partenza da Basilea 12:34). Le FFS non raccomandano viaggi per questa destinazione dal 5 all'8 dicembre. Questi due treni viaggeranno con un orario modificato, in quanto effettueranno diverse fermate eccezionali sul loro percorso. Tutti gli altri TGV tra la Svizzera e la Francia vengono cancellati. Anche le altre tratte regionali
franco-svizzere saranno fortemente colpite.

Nel cielo, alle compagnie aeree è stato chiesto di ridurre il loro programma di volo del 20%. Di conseguenza, Air France ha cancellato il 30% dei suoi voli nazionali e il 15% dei voli di media distanza. La compagnia aerea britannica EasyJet ha annunciato mercoledì la cancellazione di 233 voli nazionali e internazionali. Ryanair ha anche annunciato cancellazioni senza fornire dettagli.

In Svizzera 25 voli vengono cancellati dall'aeroporto di Ginevra e 26 all'arrivo, ha dichiarato il portavoce Madeleine von Holzen. Questi sono collegamenti con la Francia, ma anche alcuni che sorvolano lo spazio aereo francese, ha affermato. A Zurigo viene annullata un volo Swiss Zurigo-Parigi. Altri voli potrebbero essere annunciati durante il giorno, secondo il servizio stampa dell'aeroporto.

Nelle scuole, un tasso di sciopero del 55% è previsto a livello nazionale e del 78% a Parigi, secondo il Ministero della Pubblica Istruzione francese. E non è tutto: associazioni di agenti di polizia, collettori di rifiuti, avvocati, pensionati o autotrasportatori hanno annunciato la mobilitazione.

Anticipando una protesta protratta nel tempo in un contesto sociale già teso in cui i malcontenti si moltiplicano (sanità, polizia, pompieri, insegnanti, ferrovieri, "gilet gialli" ...), il governo non intende rinunciare alla criticata riforma. "Non mi arrenderò", ha detto Macron che ha promesso mercoledì prossimo di parlare di fronte ai francesi "quando lo riterrò opportuno".

Guarda anche 

2000, Italia che beffa! Francia ancora regina

Per la prima volta nella storia del calcio moderno, la fase finale degli Europei viene organizzata da due paesi. L’UEFA li affida a Belgio e Olanda. È...
18.05.2021
Sport

1984, Francia campione. È calcio-spettacolo!

I Mondiali di Spagna sono alle spalle, anche se negli occhi di tutti c’è ancora la strabiliante e per certi versi sorprendente marcia degli azzurri. N...
23.04.2021
Sport

Attraversa il confine con 254 grammi di cocaina nel cestino della bicicletta

Sembrava un normale ciclista, se non fosse che nel cestino della bicicletta trasportava 254 grammi di cocaina. Un 41enne cittadino spagnolo – comunica oggi l&rsq...
16.04.2021
Svizzera

Tassisti francesi manifestano al confine svizzero, lunghe code alle dogane

Circa 350 taxi francesi, secondo diverse associazioni professionali, manifestano da lunedì mattina alla frontiera franco-ginevrina in protesta contro l'introdu...
12.04.2021
Svizzera