Mondo, 18 novembre 2019

Italia, "troppi" bambini non cristiani e la scuola annulla la recita di Natale

A scuola ci sono troppi bambini non cristiani e quindi non verrà organizzata alcuna recita di Natale perchè sarebbe "offensivo" nei loro confronti. Manca poco più di un mese a Natale e in molte scuole allievi e insegnanti sono già al lavoro per realizzare il presepe e organizzare le recite scolastiche. Fra queste non figura però la scuola dell'infanzia Gianni Rodari a Moie, cittadina italiana in provincia di Ancona. I piccoli alunni, dell'età dai 3 ai 5 anni, quest'anno non festeggeranno le festività natalize a scuola con canti tipici, balli e giochi come in gran parte delle scuole in Italia, come non ci sarà il tradizionale spettacolo davanti ai genitori. Il motivo sembra essere la fede di alcuni bambini e delle loro famiglie.

Come riporta "il Messaggero", nell'istituto infatti circa il 10% dei bambini sarebbero stranieri non di fede cristiana. Quindi niente recita per non "offendere" la presunta sensibilità religiosa degli allievi non cristiani e dei loro genitori. Ma la decisione, che sarebbe stata presa da due insegnanti all'insaputa dell'istituto, ha mandato su tutte le furie numerosi genitori, i quali non condividono la scelta della scuola. "I nostri bambini non potranno fare la recita di Natale perché discriminatorio nei confronti dei bimbi non cattolici, ma vi sembra normale?", hanno protestato gli adulti. Ma gli insegnanti non sembrano intenzionati a cedere, per rispetto dei bimbi stranieri.

La decisione è stata criticata anche dal sindaco, Tiziano Consoli, che afferma di voler trovare una soluzione. "È una presa di posizione decisamente troppo forte ed estrema quella degli insegnanti del Rodari – ha commentato Consoli – in un sistema pluralistico come il nostro, togliere la recita di Natale per tutelare alcune persone rischia di scontentarne altre. Per i bambini di quell'età è più un gioco, un momento per stare insieme e divertirsi. Ma annullarlo significa ampliare il divario religioso, culturale e dei costumi di ciascun alunno, anziché favorire l'integrazione".

Fonte

Guarda anche 

Accordo fiscale con l'Italia probabilmente entro la fine dell'anno, secondo Ueli Maurer

Entro la fine dell'anno sarà probabilmente firmato l'accordo tra la Svizzera e l'Italia sull'imposta di confine, assicura il Consigliere federale U...
17.10.2020
Svizzera

L'Italia ha finalmente deciso di pulire il Ceresio, la Svizzera paga

L'Italia ha finalmente deciso di migliorare il sistema di smaltimento delle acque luride nei comuni del bacino del Ceresio. Peccato che per farlo avranno bisogno di f...
16.10.2020
Ticino

Raffica di sbarchi in Italia, centinaia gli arrivi a Lampedusa e in Sardegna (ma il governo non è preoccupato)

Raffica di sbarchi a Lampedusa e in Sardegna, dove nel finesettimana sono sbarcati centinaia di migranti. Nell'isola siciliana sono sbarcati oltre 700 clandestin...
12.10.2020
Mondo

Accordo fiscale tra Svizzera e Italia valido solo per i nuovi frontalieri?

Qualcosa sembra muoversi sul fronte del nuovo accordo fiscale tra Italia e Svizzera, da cui dipenderà la futura tassazione dei frontalieri dopo che la presidente d...
04.10.2020
Svizzera