Sport, 17 novembre 2019

Renzetti a tutto gas: a 177 km/h e patente a rischio

Il presidente del Lugano è stato pizzicato dal radar nel Canton San Gallo dopo la sconfitta subita dai bianconeri lo scorso 25 agosto: “Ho sbagliato”, ha ammesso

LUGANO – Il piede un po’ pesante in autostrada, qualche chilometro orario in più sul tachimetro e la luce del radar che compare all’improvviso inesorabile: chiunque abbia preso una multa di velocità conosce quella sensazione e anche lo stupore del flash che arriva quando si è sopra pensiero. Una sensazione conosciuta anche da Angelo Renzetti, lo scorso 25 agosto, quando, tornando da San Gallo in occasione della sfida di campionato del suo Lugano, ha visto il classico bagliore del radar, mentre viaggiava a 177 km/h!

L’infrazione è avvenuta a Kriessen, stando a quanto riporta il “Blick” che cita un provvedimento penale del pubblico ministero di San Gallo. “La velocità legalmente rilevante è di 170 km/h, visti che sono stati dedotti i classici 7 km/h di sicurezza”, ha spiegato un portavoce della polizia di San Gallo.

Fatale, alla luce dei fatti, è stata la sconfitta subita dal Lugano a San Gallo e l’arbitraggio. “Dopo il 3-1 di Itten sono andato in macchina, ero arrabbiato con l’arbitro visto che aveva espulso un nostro giocatori nei primi minuti della ripresa – ha spiegato lo stesso Renzetti al “Blick” – Ero arrabbiato, stavo pensando a questa cosa e mi sono accorto di aver preso il radar, ma non pensavo di andare così veloce. Era la mia prima volta alla guida di quella Golf e non sapevo che fosse così potente”.

L’infrazione è avvenuta alle 18.04, a Kriessen, a 40 km circa dallo stadio di San Gallo. “Mi dispiace molto di aver guidato a quella velocità, un personaggio pubblico della mia età non dovrebbe fare queste cose, non è un messaggio positivo”, ha continuato il presidente bianconero che dovrà ora pagare una multa di 1650 franchi, oltre a 350 franchi di tasse.

Nessuna sanzione ancora per la patente di Angelo Renzetti – che già in passato era stato punito in più di un’occasione per “gravi violazioni delle regole del traffico” – solamente perché “la questione deve prima passare da San Gallo al Ticino”, ha concluso il presidente.

Guarda anche 

Trofei su trofei e tanto alcool: Per Adriano “Dio è mio amico”

RIO DE JANEIRO (Brasile) – Chi se lo ricorda con la maglia dell’Inter a inizio anni 2000, ha ancora negli occhi un giocatore impressionante, dotato di un fisi...
15.12.2019
Sport

Tante parole ma pochi fatti: il Lugano resta a Renzetti?

LUGANO – La data fatidica si avvicina, lunedì stando alle parole rilasciate da Angelo Renzetti al “CdT”, ma nulla di nuovo sembra muoversi dalle ...
13.12.2019
Sport

La beffa finale arriva al 94’: ciao ciao Europa League

KYEV (Ucraina) – Alla fine è terminata con un altro pareggio, con un altro piccolo punticino per il Lugano la campagna europea dell’Europa League 2019/...
13.12.2019
Sport

La classifica piange… ma che derby che ci aspetta!

AMBRÌ/LUGANO – Non è una pausa per la Nazionale come tante altre questa per Lugano e Ambrì. Non saranno giorni facili e semplici per le due for...
12.12.2019
Sport