Svizzera, 06 novembre 2019

Non può essere espulso perchè si è convertito al cristianesimo, la Corte europea sconfessa la Svizzera

Un richiedente l'asilo afghano non potrà essere rimpatriato perchè convertito al Cristianesimo. È quanto deciso dalla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), che ha così sconfessato le autorità elvetiche che avevano respinto la richiesta e ordinato il rimpatrio. La CEDU ha stabilito, in una sentenza pubblicata martedì, che l'afghano non può per ora far ritorno al suo paese perchè sarebbe esposto al rischio di persecuzione. I giudici di Strasburgo hanno quindi, all'unanimità, accolto il ricorso inoltrato dal richiedente.

L'uomo, oggi 23enne, risiede in Ticino ed era arrivato in Svizzera nel 2014, presentando una domanda di asilo. Il giovane sostiene di aver lasciato l'Afghanistan per ragioni di sicurezza dopo essersi convertito, motivo ritenuto non plausibile dalla Segreteria di Stato della migrazione e per il Tribunale amministrativo federale, anche se hanno ritenuto "autentico" il cambiamento di fede.

Per le autorità svizzere forse il 23enne non potrebbe stabilirsi nella sua provincia d'origine, dove il fondamentalismo islamico è un dato di fatto, ma non avrebbe problemi trasferendosi a Kabul, dove vivono zii e cugini. Da notare che l'uomo ha ricevuto il battesimo in Svizzera.

Per la CEDU invece la Svizzera non avrebbe eseguito un esame rigoroso e approfondito e avrebbe implicitamente invitato l'interessato a vivere nella menzogna, consigliandogli di non dichiarare le sue nuove convinzioni.

Guarda anche 

TAF giudica nuova legge sul canone anticostituzionale, chiesti cambiamenti

Il sistema di riscossione del canone radioTV è contrario alla Costituzione, perché crea disuguaglianze troppo grandi. Il Tribunale amministrativo federale i...
14.12.2019
Svizzera

Ma che bella Svizzera! La Nazionale di Fischer fa sognare

VISP – Se ne sta parlando poco, forse troppo poco, visto il campionato in essere e le difficoltà palesate fin qui da Lugano e Ambrì – per restar...
13.12.2019
Sport

SEM obbligata a concedere l'asilo a un militante curdo in assistenza alloggiato a Locarno

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) è stata obbligata dal Tribunale amministrativo federale a concedere l’asilo a un cittadino turco di etnia curda...
13.12.2019
Svizzera

"Se la preferenza indigena funziona perchè così tanti frontalieri?"

Se la preferenza indigena light funziona perchè il numero di frontalieri continua ad aumentare insieme a disoccupati, sottoccupati e persone in assistenza? Il Cons...
12.12.2019
Svizzera