Sport, 28 ottobre 2019

Altro che Europa League: a Cornaredo meglio pensare alla salvezza

Ancora una volta i bianconeri hanno proposto il medesimo copione: un buon possesso palla, i soliti errori e il gol che non arriva. Ora però la classifica si complica enormemente

LUGANO – Hai voglia a cercare di guardare in positivo, ad analizzare il possesso palla e le occasioni che ti crei a ogni partita. Ma se ogni volta non le sfrutti, se giochi male per una buon parte delle sfide e in più incassi due reti su tre tiri ricevuti… di match ne vinci pochi e la classifica diventa bollente.

Europa League o Super League, poco cambia per questo Lugano. Se analizziamo le ultime due sfide giocate a Malmö e ieri in casa contro il San Gallo troveremo tantissime analogie. Un primo tempo non sufficiente, un primo tempo chiuso sullo 0-2 con gli avversari che vanno a bersaglio con i primi tiri del match e col Lugano che nel secondo tempo si sveglia, si desta, si crea le occasioni ma non le sfrutta. O meglio, ne sfrutta una soltanto e perde la partita. Analogia conclusiva? 0 punti in graduatoria e classifica che si fa complicata.

Sì, perché se in Europa League il Copenaghen e la Dinamo Kiev hanno almeno pareggiato nello scontro diretto, in campionato lo Xamax è riuscito a vincere battendo tra le mura amiche il Lucerna. I bianconeri, invece, in casa non hanno ancora vinto in questa stagione e di conseguenza non c’è da meravigliarsi della penultima posizione in graduatoria, che a fine campionato significherebbe spareggio promozione/relegazione.

Ma forse in questo momento pensare all’Europa serve a poco. I ragazzi di Celestini devono ritrovarsi, devono trovare una soluzione per risolvere questa matassa che settimana dopo settimana si fa sempre più grossa, contorta e complicata da risolvere. Anche perché l’umore dalle parti di Cornaredo non è certo ai massimi storici e la preoccupazione inizia a farsi sentire così come la frustrazione.

Da qualche parte deve arrivare una scossa, forte e definitiva. Se dal campo, dalla panchina o dalla dirigenza starà al club deciderlo, ma è chiaro che in questo modo il futuro sarà abbastanza cupo.

Guarda anche 

“Ciao Los Angeles. Ora torna a guardare il baseball”. Il sobrio saluto di Ibrahimovic alla MLS

LOS ANGELES (USA) - Mai banale neanche quando si tratta di presentare il suo saluto a un campionato che lo ha accolto a braccia aperte, a una squadra che lo ha trattato c...
14.11.2019
Sport

Asprilla da paura: “Un narcos mi ha chiesto l’autorizzazione per uccidere Chilavert”

MEDELLIN (Colombia) – Non ha avuto certo una vita noiosa Faustino Asprilla, storico attaccante della Colombia degli anni ’90 che ha vestito anche la maglia de...
14.11.2019
Sport

Primi mugugni e malcontenti dalla parti della Cornér Arena. Cosa non va nel Lugano?

LUGANO – Qualche mugugno, seppur flebile, tra i sostenitori del Lugano si è iniziato a sentire martedì sera. Forse la sosta per la Nazionale e l&rsquo...
14.11.2019
Sport

Balotelli che combini? Viene in Ticino e gli ritirano la patente!

BELLINZONA – Che sia dedito a delle bravate, le famose “balotellate”, è un dato di fatto, ma questa volta Mario Balotelli ne ha combinata una del...
12.11.2019
Sport