Svizzera, 24 ottobre 2019

Prete sadomaso condannato per una relazione con un minore

Un prete vodese è stato condannato mercoledì a 90 aliquote giornaliere di 120 franchi oltre a due anni di carcere sospesi dal tribunale regionale del Litorale e Val-de-Travers, Boudry, nel canton Neuchâtel. Nel 2016 l'uomo aveva avuto una relazione sadomaso con un ragazzo che all'epoca era quindicenne.

Il pastore di 50 anni è stato condannato per atti sessuali negligenti con minori - la maggioranza sessuale, legalmente, è raggiunta all'età di 16 anni. Il giudice ha ritenuto che l'imputato non aveva preso precauzioni sufficienti per verificare l'età della vittima.

D'altra parte, ha tenuto conto del fatto che l'adolescente aveva mentito sulla sua età e che l'imputato, con un casellario giudiziale vergine, aveva mostrato sincero pentimento per le sue azioni e aveva collaborato alla lunga indagine. Da qui il motivo della sentenza piuttosto clemente.

Per quanto riguarda le altre due accuse, il giudice li ha respinti. Si trattava di atti sessuali con una persona incapace di discernimento o resistenza e pornografia.

L'accusa ha annunciato che non farà appello. "Dobbiamo voltare pagina", ha detto Oscar Zumsteg, l'avvocato della vittima, dopo il processo. Il mio cliente è in terapia psicologica, è un giovane che ha bisogno di ricostruirsi adesso".

Il pastore, allora impiegato della Chiesa Evangelica Riformata di Vaud, era alla ricerca di rapporti sadomaso su un sito di incontri per gay. È così che ha fatto conoscenza del giovane, che soffre anche di un leggero ritardo mentale. Si era registrato sul sito presentandosi come maggiorenne.

Le due persone si sono incontrate più volte nel cantone di Neuchâtel tra gennaio e marzo 2016. All'udienza, l'accusa ha rilevato ha parlato di atti "degradanti e umilianti".
Nel suo atto d'accusa, il pubblico ministero della procura di Neuchâtel ha chiesto l'assoluzione dell'imputato su tutti e tre i punti.

Poiché le due persone si erano conosciute in un sito di appuntamenti che richiedeva la maggiore età e che la vittima indossava la barba e aveva menzionato il suo lavoro, il pubblico ministero ha affermato di aver capito che l'imputato non poteva dubitare dell'età del giovane. Nel suo giudizio, il giudice ha sritenuto che il fisico non era un criterio valido per determinare l'età, dato che il corpo di un adolescente cambia rapidamente in questa fase.

Nel verdetto, il giudice ha indicato che avere un leggero ritardo mentale non significava essere incapace di discernimento o resistenza. Il giovane è stato in grado di registrarsi sul sito e cercare la definizione di sadomasochismo.

Per quanto riguarda la questione della pornografia, le immagini illecite (pornografia infantile e atti di violenza sessuale) sono state rimosse quando il computer del 50enne era stato sequestrato. Dopo aver recuperato le foto cancellate, gli inquirenti non sono stati in grado di determinare se fossero stati scaricati volontariamente o se fossero nella cache del browser.

Poiché nessuna prova contraddice il fatto che le immagini fossero solo nella cache, il pubblico ministero ha sostenuto l'assoluzione. Il dubbio deve andare a vantaggio dell'imputato. Il giudice ha formulato lo stesso ragionamento nel suo verdetto.

Per quanto riguarda la difesa, Noémie Reber Dubois, l'avvocato dell'imputato, ha spiegato che una relazione sadomasochistica ha delle regole e che la vittima l'ha accettata. "La discrezione è una regola d'oro", ha affermato, sostenendo che il suo cliente non era disinteressato riguardo alle precauzioni da prendere per l'età e le capacità mentali della vittima.

Il procedimento era iniziato nel 2016, dopo una denuncia penale da parte della madre dell'adolescente, che aveva appreso quello che era successo. Come risultato di questa denuncia, il pastore aveva perso il lavoro presso la Chiesa e alla Confederazione, in quanto officiava anche come cappellano militare professionista.

Guarda anche 

In assistenza e senza fissa dimora, dopo 36 condanne rischia l'espulsione

Un cittadino tedesco di 40 anni rischia l'espulsione dalla Svizzera dopo aver aggredito e derubato una donna nel 2020. L'uomo, al beneficio dell'assistenza so...
16.01.2022
Svizzera

In tre abusano di una minorenne, un'espulsione e due condanne sospese

Tre uomini, due macedoni del nord e un kosovaro, residenti nel canton San Gallo sono comparsi lunedì in tribunale. I tre erano accusati di vari reati, il più...
14.01.2022
Svizzera

Rompe tre costole al figlio neonato perchè piangeva troppo forte

Un padre di 30 anni è comparso mercoledì davanti al tribunale distrettuale di Winterthur (ZH) per aver picchiato il figlio appena nato. Una sera, quando ...
14.01.2022
Svizzera

Riceve 200'000 franchi di stipendio in più, ma non vuole ridarli

Per anni ha ricevuto uno stipendio superiore a quello previsto nel contratto, senza segnalare l'errore al datore di lavoro. È un caso insolito quello arrivato ...
13.01.2022
Svizzera