Mondo, 21 ottobre 2019

L'ONU trasferisce 154 migranti direttamente per via aerea dall'Etiopia alla Germania

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), un'agenzia ONU che, come lascia intendere il nome, si occupa di migrazione ha organizzato martedì il suo primo volo charter internazionale con 154 somali da reinsediare in Germania.

L'azione, secondo quanto si apprende dalla stessa OIM, fa parte di programma di reinsediamento del governo tedesco volto a "reinsediare 500 rifugiati che vivono in Etiopia in Germania". Al programma partecipano inoltre il governo etiope e l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e il governo federale della Germania.

Se questo è il primo volo di linea che trasferisce richiedenti l'asilo direttamente dal loro paese d'origine a un paese terzo organizzato dall'OIM, non sarà però l'ultimo. Altri 220 somali partiranno per la Germania su un secondo volo noleggiato dalla IOM a metà novembre.

"È successo ! - annuncia trionfale l'agenzia sul suo conto Twitter - Nel PRIMO viaggio di linea, 154 rifugiati sono partiti da Addis Abeba per Kassel, in Germania, nell'ambito del programma di reinsediamento tedesco. Un altro volo è in programma per metà novembre, il quale trasporterà 220 persone".



"È importante facilitare il regolare reinsediamento dei rifugiati fornendo un trasporto sicuro", ha affermato Milun Jovanovic, funzionario incaricato delle operazioni della OIM. "Siamo felici che i rifugiati abbiano apprezzato questo volo charter facilitato dalla partenza alla destinazione, senza problemi."

Negli ultimi 15 anni, si legge sul sito dell'agenzia, l'OIM ha organizzato il trasferimento di rifugiati in oltre 16 paesi, tra cui Stati Uniti, Canada, Australia, Norvegia e Unione Europea attraverso programmi di reinsediamento, ricongiungimento familiare e ammissione umanitaria.

Solo nel 2019, si legge sul sito dell'agenzia ONU, l'OIM ha assistito 4'000 persone a reinsediarsi in nuovi paesi insieme all'UNHCR. L'organizzazione facilita la selezione e l'elaborazione dei casi, le valutazioni sanitarie, i movimenti dai campi e la logistica delle partenze.

Da notare che da nessuna parte vi è indicato per quale motivo queste persone sarebbero qualificate per ottenere lo status di rifugiato. Inoltre solo "la maggior parte", quindi non tutti, sarebbero stati sottoposti a esami medici e interrogatori per verificare la loro richiesta di asilo.

Fonte

Guarda anche 

"La metà dei migranti malati scappa prima di terminare il trattamento sanitario iniziato", tra questi casi di tubercolosi e hiv

La metà dei migranti che giungono in Italia interrompono il trattamento sanitario iniziato scappando dalla struttura di cui erano ospiti. A riferirlo è il d...
14.11.2019
Mondo

VIDEO – Abbatte l’allenatore avversario: scatta la rissa furiosa

FRIBURGO (Germania) – Animi caldi che sono poi esplosi in un attimo, durante la sfida di Bundesliga tra Friburgo ed Eintracht Francoforte finita con la vittoria dei...
12.11.2019
Sport

Un nuovo fenomeno inquieta Berna: gli asilanti della salute

Vengono in Svizzera pur sapendo di non avere alcuna chance di ottenere l’asilo. Ma tanto a loro non interesse ricevere protezione. Il loro obiettivo è farsi ...
10.11.2019
Svizzera

Richiedente l'asilo può restare in Ticino perché "depresso"

È depresso e quindi non può essere rispedito in Iraq. Il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha accolto il ricorso presentato dal signor Massimiliano Mi...
07.11.2019
Ticino