Svizzera, 19 ottobre 2019

Lei non voleva abortire allora lui la prende a martellate, condannato (ma non espulso)

Un 34enne serbo è stato condannato giovedì dal tribunale penale di Lucerna a tre anni di carcere, di cui uno da espiare per aver tentato di far abortire una donna incinta di suo figlio prendendola a martellate.

I fatti risalgono a novembre 2016. Secondo l'accusa, l'imputato, un serbo che vive in Svizzera dal 1993, aveva avuto rapporti sessuali con la vittima nonostante vivesse da diversi anni con un'altra donna. Quando la prima ha scoperto di essere incinta, ha informato l'uomo tramite SMS.

Ma quando lui li ha chiesto di interrompere la gravidanza, lei si era opposta. Il 34enne si è quindi recato a casa dell'amante e l'ha aggredita prima con un martello e poi con un apparecchio elettroshock con l'obbiettivo di farla abortire. Nonostante le ferite, la donna era riuscita a scappare.

La vittima ha subito un trauma addominale, costole rotte, lividi e lesioni cutanee e ha dovuto trascorrere quattro giorni in ospedale.

L'imputato nega di aver voluto eseguire un aborto forzato. Ci fu uno scambio di parole, poi un scontro fisico, spiegò. Quindi riportò la donna nel suo appartamento. Sostiene di aver preso un martello con sé perché aveva paura del cane della vittima e di non mai aver voluto ferire il bambino.

L'uomo non sarà espulso dalla Svizzera perché la corte lo ha considerato come un caso di rigore.

Guarda anche 

La collocatrice posticipa l'incontro, il Tribunale federale gli toglie le indennità di disoccupazione

Perde le indennità di disoccupazione perchè la collocatrice posticipa l'incontro mensile e lui presenta le ricerche di lavoro in ritardo. È su...
14.11.2019
Svizzera

“La Svezia e le 100 esplosioni”, anche i mass media si accorgono del fallimento del multiculturalismo svedese

Quando il presidente americano Donald Trump menzionò, durante un comizio nel febbraio 2017, la Svezia quale esempio di paese occidentale rovinato dall'immigraz...
14.11.2019
Mondo

Vive con la moglie in Italia ma vuole l'assistenza in Ticino

Sosteneva di essere divorziato, di avere il domicilio in Ticino, di vivere nell’indigenza e quindi di avere diritto all’assistenza sociale. In realtà &...
14.11.2019
Ticino

Austria: Migranti inscenano delle finte esecuzioni, "la popolazione ha paura"

"Ci sono stati degli spari: molte persone li hanno sentiti nel quartiere, sono i giovani immigrati che giocano alla guerra nel nostro Grätzel", racconta un...
12.11.2019
Mondo