Svizzera, 02 ottobre 2019

Armi e piani per fabbricare bombe in casa, in carcere 17enne simpatizzante dell'ISIS

Il Tribunale federale ha confermato la detenzione di un 17enne, residente nel canton Ginevra e in possesso del passaporto svizzero, simpatizzante dello Stato islamico (ISIS) e nella cui abitazione sono state trovate armi e piani per fabbricare bombe. Il giovane è accusato di aver violato la legge che vieta legami con organizzazioni terroristiche e di infrazione sulla legge sulle armi.

Dalla fine dello scorso giugno, la giustizia minorile del canton Ginevra indagava sul ragazzo, in seguito a un segnalazione del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC).

Durante una perquisizione nel domicilio del 17enne, gli inquierenti hanno trovato tre pistole a aria compressa, due coltelli, un machete, due telefoni cellulari e un anello che presenteva un sigillo del gruppo dello Stato Islamico. Tra i file e i documenti sequestrati c'erano anche istruzioni per fabbricare una bomba.

Il giovane viveva a casa di sua madre con i suoi fratelli e sua sorella. Non va a scuola e non ha un lavoro. Durante le sue udienze, ha negato qualsiasi fede religiosa o vicinanza all'ISIS. Secondo lui, sarebbe caduto sotto l'influenza di un "guru" che lo avrebbe convinto a nascondere le armi e lasciarlo usare il suo computer.

Nel motivare la sua decisione, il Tribunale federale sottolinea che una detenzione preventiva di un mese prima di una sentenza è una misura eccezionale nel caso di un minore. Ma ritiene che le condizioni per tale misura – sospetti fondati di rischio di fuga e collusione - siano realizzate in questo caso sulla base del rapporto del SIC, dei risultati della perquisizione e delle dichiarazioni del giovane.

Guarda anche 

Trump si congratula con la Svizzera in occasione della Festa nazionale

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha presentato sabato le sue congratulazioni alla presidente Simonetta Sommaruga e al popolo svizzero in occasione della festa...
02.08.2020
Svizzera

Prima preghiera islamica a Santa Sofia dopo 86 anni

Diverse migliaia di musulmani hanno partecipato venerdì a Istanbul, alla presenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, alla prima preghiera dentro e fuori al...
25.07.2020
Mondo

Condannati in 10 per lo stupro di gruppo di una ragazza in Germania

La giustizia tedesca ha condannato giovedì otto uomini, la maggior parte dei quali rifugiati, a diversi anni di prigione per lo stupro di gruppo di una giovane don...
24.07.2020
Mondo

Per politici e giornalisti il libro Stop Islam di Magdi Allam

Lo scorso anno il fondatore del movimento politico “Il Guastafeste”, Giorgio Ghiringhelli, aveva inviato ai 90 deputati in Gran Consiglio una copia del libro ...
20.07.2020
Svizzera