Svizzera, 29 settembre 2019

Aveva cercato di investire l'ex moglie e aggredito i poliziotti venuti ad arrestarlo, condannato a 6 anni di carcere

"Pensavo che ci avrebbe sgozzato." L'ex moglie di Khaled (nome di fantasia) deve la vita al suo compagno all'epoca, Luc. È stato lui a spingerla da parte quando Khaled aveva tentato di investirli con la sua macchina, a fine luglio del 2016 a Charrat, nel canton Vallese.

La donna, tuttavia, era rimasta ferita a una gamba mentre il suo compagno si era precipitato verso la macchina uscita fuori strada. Fu allora che Khaled tirò fuori un coltello. Luc, che ha impiegato tre anni per riprendersi da quella drammatica serata, è tornato indietro verso la compagna ferita. Ma Khaled, cittadino marocchino allora quarantenne, ha lasciato perdere la coppia che aveva appena preso come bersaglio.

Dopo aver quasi investito i due, l'uomo, ubriaco, è andato a rifugiarsi in un prefabbricato dove sarebbe rimasto fino al giorno dopo, quando la polizia finalmente lo rintraccia e cerca di arrestarlo. Non senza difficoltà, poiché gli agenti, minacciati dall'uomo armato di coltello, hanno dovuto usare una flashball per neutralizzare il quarantenne e arrestarlo.

Più di tre anni dopo, Khaled è comparso venerdì scorso al Tribunale di Martigny (VS). L'uomo ha fornito diverse versioni ritenute "stravaganti" dai presenti e dal pubblico ministero e ha negato l'intenzione di uccidere: "Volevo solo fare una chiaccherata con mia moglie, da cui mi ero separato da appena tre mesi. Non vedevo mio figlio da quando sono dovuto uscire di casa".

Secondo la ricostruzione degli inquierenti, l'uomo non ci aveva più visto quando aveva scoperto che l'ex moglie, con cui era stato per 16 anni, aveva trovato un altro. Era da quasi un mese che osservava la coppia e un giorno, pieno di rabbia e alterato dall'alcol, aveva deciso di ucciderli investendoli con la sua auto.

A salvare la coppia, probabilmente, il fatto che la strada aveva dei dossi e l'imputato non fu in grado di accelerare oltre i 40 chilometri all'ora.

Il procuratore Emmanuelle Raboud ha richiesto sette anni di carcere e cure ambulatoriali mentre l'avvocato di Khaled, Marie Christine Granges, ha insistito sull'assenza di una storia di violenza e intenti omicidi. "Vorrei girare la pagina. Sono sfinito. Mi sono sentito umiliato", ha detto l'imputato.

Il tribunale ha in gran parte accolto la richiesta del procuratore condannando l'uomo a sei anni di carcere con un trattamento ambulatoriale per curare il suo alcolismo.  

Guarda anche 

Vallese, anziano picchiato a morte da un gruppo di giovani

Un vallesano di 70 anni è morto in ospedale il 9 settembre dopo una disputa avvenuta due giorni prima a Sion. Cinque persone tra i 21 e i 27 anni sono state arrest...
23.09.2021
Svizzera

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport

Ci sarebbero anche degli aerei svizzeri nell'arsenale finito tra le mani dei talebani

Tra il considerevole arsenale finito tra le mani dei talebani dopo la loro riconquista lampo dell'Afghanistan (vedi articoli correlati) ci sarebbero anche aerei svizz...
12.09.2021
Svizzera

Seferovic spreca, la Svizzera si riscopre “piccola”. Vantaggio sull’Italia già bruciato

BELFAST (Irlanda del Nord) – Partiamo da un presupposto: andare a vincere a Belfast, nel temibile catino del Windsor Park, non è mai facile per nessuno. Figu...
09.09.2021
Sport