Mondo, 24 settembre 2019

Milano: arrestato per tentato omicidio mercoledì, liberato venerdì accoltella la ex poco dopo

Venerdì sera, un 33enne nigeriano ha ferito una sua ex compagna (e connazionale) con un frammento di bottiglia in via Arcivescovo Calabiana, a Milano.

Come riferisce “Milano Today” la giovane donna, fra l'altro incinta, è stata colpita alla testa e alla pancia durante una disputa che è degenerata. Le sue condizioni sono gravi, ma non è in pericolo di morte e la sua gravidanza non sarebbe minacciata.

Per l'aggressore, accusato di tentato omicidio,
si tratta del secondo arresto in pochi giorni: era stato infatti arrestato per la stessa accusa due giorni prima, dopo aver colpito un senzatetto guineano con una bottiglia in testa. L'aggressione era avvenuta davanti alla stazione centrale. I carabinieri lo avevano arrestato subito dopo.

Rilasciato venerdì pomeriggio, si è recato qualche ora dopo dalla sua ex compagna e l'ha ferita. La giovane donna è stata immediatamente soccorso e portata all'ospedale San Paolo.

Guarda anche 

“Io vuole imparare italiano”: libro delle elementari con vignetta razzista crea un polverone

ANCONA (Italia) – Sta creando polemiche e discussioni, oltre alle consuete lamentele una pagina di un libro di testo per la seconda elementare che contiene un&rsquo...
27.09.2020
Magazine

Attacco all'arma bianca vicino alla sede di Charlie Hebdo, almeno due feriti

Un uomo e una donna sono stati accoltellati venerdì a Parigi, nei pressi della vecchia sede del giornale Charlie Hebdo, proprio mentre si tiene il processo per gli...
25.09.2020
Mondo

Degenera una lite in un appartamento di Zurigo, un morto e due feriti

Una lite è degenerata giovedì mattina in un appartamento di Zurigo causando la morte di un uomo e il ferimento di due donne. La polizia è stata aller...
24.09.2020
Svizzera

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannat...
22.09.2020
Ticino