Sport, 13 settembre 2019

6617 giorni dopo la Champions a Cornaredo: viva il calcio femminile

La serata vissuta ieri sera a Lugano resterà nella storia. Nonostante la secca sconfitta dell’FF Lugano contro il Manchester City, il calcio ticinese è tornato a sorridere

LUGANO – 6617 giorni. 945 settimane e 2 giorni. 217 mesi e 12 giorni. 18 anni e 43 giorni. Ecco quanto è trascorso dall’ultima volta che le note della Champions League erano risuonate a Cornaredo, fino a ieri. Quella volta, era il 31 luglio 2001, il Lugano di Rossi e Gaspoz aveva affrontato e battuto lo Shakhtar Donetsk per 2-1. A pesare fu lo 0-3 rimediato all’andata in terra ucraina che eliminò i bianconeri nel secondo turno preliminare.

Questa volta, invece, sono state le ragazze dell’FF Lugano a godere dell’incredibile emozione di disputare una sfida valida per la Women’s Champions League. Certo l’1-7 rimediato in casa contro il Manchester City taglia praticamente fuori le bianconere dal doppio confronto, anche in attesa del ritorno del 25 settembre in terra inglese, ma ciò che contava veramente non era il risultato, ma il contesto. Un contesto che premia pienamente gli sforzi fatti fin qui dal club luganese e dal calcio femminile ticinese in generale.

Negli ultimi anni si è investito molto, tanto, anche se c’è tanto ancora da fare. Ma la strada intrapresa sembra veramente quella giusta anche perché, nonostante la presenza di ben 3 ticinesi in campo nella serata di ieri, Lugano è diventata attrattiva anche per diverse calciatrici americane – soprattutto grazie alla partecipazione alla coppa europea – che hanno deciso di tentare l’avventura nel Vecchio Continente. Anche così il nostro calcio può accrescere, può diventare sempre più aggregante. Lo si è notato anche nella serata di ieri quando a Cornaredo erano presenti più di 2500 persone… vero, in tanti hanno potuto usufruire dei biglietti gratuiti, ma una cornice di pubblico del genere a volte neanche il Lugano di Celestini riesce ad averla.

Il campo ovviamente ha premiato il Manchester City che può contare su giocatrici professionisti, su diverse nazionali, a differenza di quanto avviene per le ragazze del Lugano. Per questo il cammino è ancora lungo, ma è altrettanto vero che i primi passi sono stati fatti e la strada è stata segnata, anche per non attendere altri 6617 giorni...

Non per nulla Lugano ha potuto contare su due squadre nelle coppe europee, cosa che non banale e che non è capitata a città molto più blasonate come la vicina Milano… roba non da poco.

Guarda anche 

Spooner-Lugano, siamo ai titoli di coda. Chi ci guadagna?

LUGANO – Ormai ci siamo, ogni giorno, ogni ora, ogni minuto può essere quello dell’addio. L’addio di Ryan Spooner alla Cornér Arena, al Lu...
18.10.2019
Sport

Dalla nazionale ai dilettanti: il saluto militare turco sta mettendo in apprensione anche le federazioni regionali

LUGANO – Ha fatto il giro del mondo. Quelle immagini dei giocatori della Turchia che con la mano destra sulla fronte fanno il saluto militare dopo ogni gol siglato ...
18.10.2019
Sport

Georgia e Gibilterra: la strada verso l’Europeo della Svizzera è in discesa

LUGANO – Dopo l’incredibile KO in Danimarca di sabato scorso un po’ tutti ci siamo armati di carta e penna e abbiamo iniziato a fare i calcoli per capir...
17.10.2019
Sport

Spooner-Lugano: è quasi addio? Domenichelli non lo trattiene: “Lo capisco”

LUGANO – Non c’è davvero pace in casa Lugano, nonostante la vittoria ritrovata ieri a Rapperswil. L’assenza, l’11a consecutiva, di Ryan Spo...
16.10.2019
Sport