Sport, 12 settembre 2019

Stadio vietato alle donne: si da fuoco per protesta e muore in ospedale. Orrore in Iran

Era stata punita con 6 mesi di reclusione per aver tentato di entrare comunque in uno stadio

TEHERAN (Iran) – A partire dal prossimo mese di ottobre anche in Iran le donne potranno assistere alle partite di calcio, in vista del Mondiale 2022, ma la decisione, che ha finalmente cancellato il bando completo delle donne agli eventi sportivi in cui competono gli uomini imposta per decenni dagli ayatollah, è giunta troppo tardi per salvare la vita a una giovane 29enne iraniana che in segno di protesta si era data fuoco ed è perita per la gravi ustioni.

“Sara”, questo il suo soprannome, nei mesi passati aveva tentato di andare contro questo divieto, ma venne arrestata. Seppur rilasciata poco dopo, venne condannata da un tribunale a sei mesi detentivi. Il motivo ufficiale è sempre rimasto poco chiaro.

In segno di protesta, Sara si cosparse di benzina e si diede fuoco, subendo lesioni potenzialmente letali che vennero curate in ospedale. Nei giorni scorsi, però, la sua battaglia è giunta alla fine, quella più tragica: la 29enne è infatti morta in seguito al suo gesto disperato.

Stando ad alcuni testimoni “le autorità hanno messo a tacere la famiglia, bloccando loro l’accesso all’ospedale per motivi di sicurezza nazionale. Hanno detto che è morta lunedì, ma non è vero”.

Il tragico evento e il dolorosissimo epilogo della vicenda hanno colpito il Paese, tanto che le donne hanno ricominciato a protestare contro il divieto, ma anche i giocatori delle varie squadre hanno iniziato a reagire facendo sentire la loro voce: “Le generazioni future resteranno stupite nel sapere che alle donne è vietato entrare negli stadi”, ha sottolineato il capitano della nazionale, Masoud Shojaei.

L’Iran è attualmente l’unico Paese che vieta alle donne di partecipare agli eventi sportivi.

Guarda anche 

1'000 spettatori sulle tribune: siamo alla resa dei conti?

BERNA – In un clima sempre più del terrore, fatto di numeri (a volte non esattamente chiari), di futuro incerto e di un presente non limpido, la decisione pr...
19.10.2020
Svizzera

Covid e calcio regionale: c'è chi chiede di fermare tutto

MAROGGIA - Forse c’è qualcuno a cui è rimasto un po’ di sale in zucca! Il Maroggia, per “voce” del suo vice-presidente Rub...
19.10.2020
Sport

Una zona Cesarini che salva il Lugano

VADUZ - Marcis Oss, giocatore lettone cresciuto nello Spartaks e prestato allo Xamax nelle ultime due stagioni, ieri sera ha vestito i pan...
18.10.2020
Sport

“Era completamente ubriaca: non sa cosa sia successo”: accusa di stupro e caos per Robinho

RIO DE JANEIRO (Brasile) – Una settimana fa si parlava di Robinho e del suo ritorno al Santos. 7 giorni dopo il brasiliano è tornato nell’occhio del ci...
18.10.2020
Sport