Svizzera, 26 agosto 2019

A processo per aver abusato della sorella per 11 anni

Per undici anni aveva fatto vivere un calvario alla sorella minore, abusando di lei ripetutamente. E giovedì il suo processo è stato aperto presso il tribunale regionale di Emmental-Oberaargau. L'uomo, che oggi ha 24 anni, è accusato di rapporti sessuali con minori, violenza sessuale, stupro e incesto, come riportato dal "Berner Zeitung".
 
I fatti risalgono al luglio 2008. L’uomo aveva allora poco meno di 13 anni, sua sorella 9 anni. Nell'accusa, lunga sei pagine, si afferma che "l'imputato si era chiuso nella stanza di sua sorella e dopo averle dato un Gameboy e, mentre lei giaceva sul suo letto a giocare, l'afferrò tra le sue gambe. Le toccò la vagina sopra e sotto i pantaloni e la accarezzò. La sorella non capì cosa stesse facendo suo fratello e glielo lasciò fare. Gli attacchi si intensificarono tra ottobre 2009 e luglio 2011: "Ha iniziato inserendo un dito nella sua vagina e ha chiesto a sua sorella di soddisfarlo con la mano", continua la difesa.
 
La vittima, oggi 20enne, racconta di essere stata intimidita per anni dalle tendenze violente e prepotenti di suo fratello. Anche da adolescente, quando ha capito ciò che il fratello gli stava facendo, ha detto che non aveva modo di fuggire o avvertire qualcuno. Gli abusi sarebbero quasi sempre avvenuti nella stanza del fratello, quando nessun altro era a casa.
 
Nel marzo 2014 e nell'ottobre 2015, il giovane avrebbe fatto il passo successivo. Secondo la vittima, lui le legò le mani con una cintura e la costrinse a fare sesso orale fino a fargli raggiungere l'orgasmo.
 
Il primo rapporto completo tra i due giovani sarebbe avvenuto a settembre 2016. Lui ha quasi 21 anni, sua sorella 17 anni. Nell'accusa si legge: "L'imputato l'ha spogliata, si spogliò e la distese sul suo letto. La sorella si nascose sotto la coperta, ma l'imputato si distese su di lei e la costrinse a farlo entrare sotto le coperte. "Un secondo rapporto completo sarebbe stato fatto nel marzo 2017, ancora nella stanza del giovane. La sorella gli ha detto che non stava acconsentendo, ma l'imputato l'ha ignorato."
 
Durante il suo interrogatorio, il giovane ha ammesso di aver commesso "grossi errori" ed ha espresso rammarico. Ma non conferma tutti i fatti che gli vengono rimproverati: "Alcuni atti" avrebbero avuto luogo, altri no. Il giovane disse che non capiva come la sorella arriva ad accusarlo di stupro, sostenendo di non averla mai costretta a fare nulla. Inoltre, nega categoricamente di averla legata.
 
Afferma inoltre che i contatti con sua sorella erano "basati sul desiderio reciproco": "Il più delle volte discutevamo o guardavamo un film insieme. Poi abbiamo iniziato a toccarci e a soddisfarci a vicenda. "I due giovani avrebbero saputo fin dall'inizio che ciò che stavano facendo non era giusto, ma non riuscivano a fermarsi”, sostiene lui.

Nel frattempo la ragazza ha tagliato tutti i legami con suo fratello e a lui è stato proibito contattare sua sorella da settembre. Su richiesta della giovane donna, il tribunale ha assicurato che la coppia non si sarebbe incontrata al processo. Il verdetto verrà reso noto nei prossimi giorni. Il giovane rischia un minimo di cinque anni di carcere.

Guarda anche 

Roberta Pantani: Divieto di dissimulazione del viso in Svizzera

Mentre in Ticino impazza la campagna elettorale, a Berna i lavori commissionali continuano. Negli scorsi giorni la Commissione delle Istituzioni Politiche ha affrontato l...
14.10.2019
Opinioni

La polizia bernese sgombera un centro sociale abusivo (dopo nemmeno una settimana di occupazione)

La polizia bernese ha iniziato a evacuare giovedì mattina una casa per anziani a Zollikofen occupata abusivamente da un gruppo di attivisti di sinistra. Numeros...
11.10.2019
Svizzera

Lugano che colpo! È fatta per Arcobello?

LUGANO – Potrebbe non essere un colpo da fantamercato, ma quasi. Con le big e i top giocatori che si stanno muovendo per firmare i nuovi contratti, il Lugano potreb...
10.10.2019
Sport

Bimba muore per overdose, la madre le dava eroina per farla dormire

Una bimba, di appena un anno di età, ha perso la vita dopo che la madre le aveva somministrato dell'eroina per farla addormentare. La morte della picco...
22.09.2019
Mondo