Sport, 25 luglio 2019

Dadashev non ce l’ha fatta: morto a 28 per emorragia cerebrale!

Il pugile nel weekend era stato ricoverato dopo aver perso un incontro di box contro il portoricano Matias: non si è più ripreso perdendo la vita

OXON HILL (USA) – La triste notizie è giunta, nonostante la speranza che tutto si potesse risolvere positivamente:il 28enne pugile russo Maxim Dadashev è morto all’età di 28 anni in seguito alle ferite riportate venerdì durante l’incontro con Subriel Matias in occasione della sfida valida per i superleggeri Ibf.

Il combattimento, come già raccontato, era stato speso all’undicesima ripresa dal suo allenatore, Buddy McGirt che aveva “gettato la spugna”. Dadashev in seguito era stato ricoverato con un’emorragia cerebrale e sottoposto a un intervento d’urgenza ma non si è mai ripreso.

Dadashev era giunto all’incontro forte di 13 vittorie in altrettanti incontri, così come il suo avversario: la prima sconfitta, che dall’altro canto ha permesso a Matias di conquistare l’accesso alla sfida mondiale Ibf contro Josh Taylor, gli è risultata fatale.

Era considerato un astro nascente, ma la sua vita si è spezzata sul ring di Oxon Hill.

Guarda anche 

Il nuovo talento della boxe… sospettato di omicidio!

MONTGOMERY (USA) – La sua sembrava assumere i contorni di una favola: un giovane ragazzo nato a Chicago, che a 8 anni già faceva parte di una banda criminale...
24.09.2020
Sport

“Ho un obiettivo ambizioso: aiutare i giovani a crescere”

LOCARNO - Americo Fernandes avrebbe voluto diventare un pugile di fama internazionale. Ne aveva le doti, affermano i suoi estimatori; forse gli è mancata...
15.09.2020
Sport

Morte Astori: indagini chiuse e i medici non si presentano

FIRENZE (Italia) – La notizia della sua morte, improvvisa, repentina e inaspettata, aveva scosso tutti: il calcio italiano intero si era fermato, quello europeo e m...
11.09.2020
Sport

Addio a Chadwick Boseman: l’ultimo tweet è da record

La notizia della morte dell’attore Chadwick Boseman ha sconvolto tutti, ha lasciato tutti a bocca aperta. A dimostrazione dell’immenso affetto che il pubblico...
01.09.2020
Magazine