Mondo, 23 luglio 2019

Boris Johnson eletto primo ministro britannico, Brexit più vicina

Boris Johnson è stato eletto presidente del Partito conservatore britannico martedì, succedendo al primo ministro Theresa May. La sua missione di gran lunga più importante sarà di riuscire laddove May ha fallito: attuare l'uscita dall'UE . "Attueremo la Brexit il 31 ottobre", ha dichiarato immediatamente dopo che sono stati annunciati i risultati.

Ex sindaco di Londra e ex ministro degli Esteri nel governo May, Johnson sfidava l'attuale capo del diplomazia britannica Jeremy Hunt, vincendo il 66% dei voti dei circa 159'000 membri del partito che si sono espresse. Diventa quindi il leader dei conservatori e entrerà ufficialmente in carica mercoledì pomeriggio dopo una visita alla regina Elisabetta II.

Questo risultato segna l'arrivo al potere dell'ala dura dei "Brexiters", molti dei quali non hanno mai digerito che Theresa May, a favore del mantenimento del Regno Unito nell'UE durante la campagna per il referendum del 23 giugno 2016, sia stata scelta per guidare il paese fuori dall'UE.

Boris Johnson, una delle figure centrali, insieme a Nigel Farage, nella campagna per l'uscita dall'UE vuole una Brexit entro la scadenza del 31 ottobre. La data del divorzio era originariamente fissata per il 29 marzo, ma è stata rinviata due volte per mancanza di sostegno da parte della maggioranza dei parlamentari all'accordo di Theresa May e per evitare un'uscita senza accordo tra le due parti.
Durante la sua campagna, Boris Johnson ha ripetuto che il divorzio sarebbe stato pronunciato alla fine di ottobre, sia con un accordo che senza, promettendo un brillante futuro per il paese.

Ha affermato di preferire un nuovo accordo, pur ammettendo che sembra quasi impossibile raggiungerlo in tempo, date le festività parlamentari e l'istituzione di nuovi team di gestione a Londra come a Bruxelles.

Boris Johnson dovrà anche convincere l'UE a riaprire i negoziati, cosa che Bruxelles finora ha escluso. La sua volontà di lasciare l'UE è in contrasto con quelli, anche nel suo stesso campo, che vogliono mantenere stretti legami con il continente e che temono le conseguenze economiche di un "no deal".

Secondo la stampa britannica, Johnson potrebbe annunciare, mercoledì o nei prossimi giorni, una visita a Parigi, Berlino, Dublino o Bruxelles, per presentare la sua strategia sulla Brexit.
Anche Washington viene citata, con Londra che spera di firmare un ambizioso accordo di libero scambio con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Ma Boris Johnson dovrà affrontare un'altra urgente sfida: l'escalation di tensioni con Teheran, che si sono aggravate dopo che una petroliera britannica è stata sequestrata venerdì dall'Iran nello stretto di Hormuz.

Guarda anche 

Uomo accoltella passanti a Londra causando almeno tre feriti, "atto terroristico"

Torna l'incubo terrorismo a Londra. Un uomo, secondo le prime informazioni, ha accoltellato alcune persone in strada a Streatham, quartiere a sud di Londra , pri...
02.02.2020
Mondo

Da oggi il Regno Unito torna a essere un paese indipendente. Che futuro per i britannici fuori dall'UE?

Questo venerdì è il giorno tanto atteso da milioni di persone, britannici in primis ma anche in tutto il continente. Dopo 47 anni di permanenza, spesso diff...
31.01.2020
Mondo

Brexit, cosa cambia per la Svizzera

Con l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea vi saranno anche alcuni cambiamenti per la Svizzera. Prima di tutto va sottolineato come la fase di transizione n...
31.01.2020
Svizzera

Luce verde dal Parlamento europeo alla Brexit, Farage: "Italia, Polonia e Danimarca prossimi a lasciare"

“Alla mezzanotte di questo venerdì passiamo il punto di non ritorno. Per noi è probabilmente la cosa più importante da quando Enrico VIII ...
30.01.2020
Mondo