Sport, 15 luglio 2019

“Mancata la freschezza, ma dopo 4 settimane di preparazione…”

Il capitano del Lugano ha analizzato la sconfitta subita ieri contro l’Inter: “Pensiamo a noi se vogliamo crescere a maturare. Le nuove regole? Dovremo adattarci all’avversario”

LUGANO – Ci ha pensato Mijat Maric, il veterano, il capitano, a fotografare la sfida giocata dal Lugano e persa per 2-1 contro l’Inter, valida per la Casinò Lugano Cup. Una sconfitta che, a conti fatti, ci sta anche se i bianconeri sul finale hanno avuto le occasioni anche per impattare il risultato.

“C’è ancora da lavorare, dopo 4 settimane di preparazione non eravamo freschissimi, come è giusto che fosse: l’obiettivo deve essere quello di arrivare pronti a domenica, quella è la partita che conta – ha esordito – Inoltre ci sono stati tanti innesti nuovi quest’anno, diversi arrivi e dobbiamo trovare il feeling giusto: siamo sulla buona strada”.

Non sarà un anno semplice quello che attende il Lugano: una stagione con tante partite, con tre competizioni e con diverse regole che cambiando, possono mettere in difficoltà la difesa. “Chiaramente giocare l’Europa League sarà importante, anche per capire a che punto siamo dal punto di vista mentale, ma ci sarà tempo per pensare a quello.. ora pensiamo allo Zurigo, pensiamo a noi, perché se dobbiamo e vogliamo crescere dobbiamo pensare esattamente a noi stessi, senza farci distrarre da pensieri strani relativi all’YB o al Basilea”.

“Noi spesso costruiamo l’azione dalle retrovie, fin dal portiere… è vero che le regole sono cambiate e ora gli attaccanti possono venirci a pressare fin dentro la nostra area di rigore, ma possiamo gestire la situazione e capire come comportarci in base all’avversario. Se proprio ci tolgono la possibilità di giocare, abbiamo sempre l’opzione della palla lunga… cosa che l’anno scorso ci riusciva molto bene”, ha concluso.

Guarda anche 

Artecasa Lugano: Ecco i vincitori dei premi del design e dell’architettura sostenibile

Svelati e premiati i vincitori dei due prestigiosi premi di artecasalugano ’19 alla presenza della giuria, degli sponsor e degli organizzatori: LDD – Award 19...
21.10.2019
Ticino

“Triste di lasciare Lugano. Un grazie ai tifosi e ai miei compagni, non vi dimenticherò”. Le ultime parole “svizzere” di Spooner

LUGANO – Due storie su Instagram per salutare tutti, per ufficializzare la sua partenza da Lugano e dalla Svizzera: Ryan Spooner ha usato i social per dire “a...
21.10.2019
Sport

Coppa malandrina: Lugano e Ambrì salutano con qualche mugugno (e cerotti)

DAVOS/BIENNE – Niente da fare, la Coppa Svizzera non arriverà in Ticino nemmeno quest’anno: Lugano e Ambrì, infatti, ieri hanno dovuto salutare ...
21.10.2019
Sport

Un punticino, qualche rammarico e un Lugano che in casa non vince mai

LUGANO – Dopo il pareggio colto contro la Dinamo Kiev in Europa League e il successo di Sion, questa volta il Lugano… si è fermato al palo in casa con...
21.10.2019
Sport