Sport, 15 luglio 2019

“Mancata la freschezza, ma dopo 4 settimane di preparazione…”

Il capitano del Lugano ha analizzato la sconfitta subita ieri contro l’Inter: “Pensiamo a noi se vogliamo crescere a maturare. Le nuove regole? Dovremo adattarci all’avversario”

LUGANO – Ci ha pensato Mijat Maric, il veterano, il capitano, a fotografare la sfida giocata dal Lugano e persa per 2-1 contro l’Inter, valida per la Casinò Lugano Cup. Una sconfitta che, a conti fatti, ci sta anche se i bianconeri sul finale hanno avuto le occasioni anche per impattare il risultato.

“C’è ancora da lavorare, dopo 4 settimane di preparazione non eravamo freschissimi, come è giusto che fosse: l’obiettivo deve essere quello di arrivare pronti a domenica, quella è la partita che conta – ha esordito – Inoltre ci sono stati tanti innesti nuovi quest’anno, diversi arrivi e dobbiamo trovare il feeling giusto: siamo sulla buona strada”.

Non sarà un anno semplice quello che attende il Lugano: una stagione con tante partite, con tre competizioni e con diverse regole che cambiando, possono
mettere in difficoltà la difesa. “Chiaramente giocare l’Europa League sarà importante, anche per capire a che punto siamo dal punto di vista mentale, ma ci sarà tempo per pensare a quello.. ora pensiamo allo Zurigo, pensiamo a noi, perché se dobbiamo e vogliamo crescere dobbiamo pensare esattamente a noi stessi, senza farci distrarre da pensieri strani relativi all’YB o al Basilea”.

“Noi spesso costruiamo l’azione dalle retrovie, fin dal portiere… è vero che le regole sono cambiate e ora gli attaccanti possono venirci a pressare fin dentro la nostra area di rigore, ma possiamo gestire la situazione e capire come comportarci in base all’avversario. Se proprio ci tolgono la possibilità di giocare, abbiamo sempre l’opzione della palla lunga… cosa che l’anno scorso ci riusciva molto bene”, ha concluso.

Guarda anche 

“Stati Uniti altro pianeta. Un pugilato d’alto livello”

LUGANO - Nel corso di una nostra precedente intervista del 21 novembre, il pugile ticinese di stanza in Italia Marius Antonietti ce lo aveva anticipato:&ld...
21.01.2022
Sport

Cori omofobi: divieto di stadio per 5 anni!

CITTÀ DEL MESSICO (Messico) – La Federcalcio messicana ha detto basta e ha deciso che qualsiasi tifoso venga sorpreso a urlare un coro omofobo durante le par...
20.01.2022
Sport

VIDEO – Coppa d’Africa, una papera pazzesca: Sangaré condanna la Costa d’Avorio

Mentre in Europa i campionati continuano a seguire il loro calendario, nel continente nero si sta tenendo la Coppa d’Africa. Come spesso accade il torneo per naz...
17.01.2022
Sport

L’HCL non si sblocca: è un 2022 da 0 in classifica

LUGANO – Non c’è proprio nulla da fare: la pausa natalizia, condita dal covid che ha condizionato e non poco la ripresa delle attività, ha inter...
17.01.2022
Sport