Sport, 15 luglio 2019

“Mancata la freschezza, ma dopo 4 settimane di preparazione…”

Il capitano del Lugano ha analizzato la sconfitta subita ieri contro l’Inter: “Pensiamo a noi se vogliamo crescere a maturare. Le nuove regole? Dovremo adattarci all’avversario”

LUGANO – Ci ha pensato Mijat Maric, il veterano, il capitano, a fotografare la sfida giocata dal Lugano e persa per 2-1 contro l’Inter, valida per la Casinò Lugano Cup. Una sconfitta che, a conti fatti, ci sta anche se i bianconeri sul finale hanno avuto le occasioni anche per impattare il risultato.

“C’è ancora da lavorare, dopo 4 settimane di preparazione non eravamo freschissimi, come è giusto che fosse: l’obiettivo deve essere quello di arrivare pronti a domenica, quella è la partita che conta – ha esordito – Inoltre ci sono stati tanti innesti nuovi quest’anno, diversi arrivi e dobbiamo trovare il feeling giusto: siamo sulla buona strada”.

Non sarà un anno semplice quello che attende il Lugano: una stagione con tante partite, con tre competizioni e con diverse regole che cambiando, possono mettere in difficoltà la difesa. “Chiaramente giocare l’Europa League sarà importante, anche per capire a che punto siamo dal punto di vista mentale, ma ci sarà tempo per pensare a quello.. ora pensiamo allo Zurigo, pensiamo a noi, perché se dobbiamo e vogliamo crescere dobbiamo pensare esattamente a noi stessi, senza farci distrarre da pensieri strani relativi all’YB o al Basilea”.

“Noi spesso costruiamo l’azione dalle retrovie, fin dal portiere… è vero che le regole sono cambiate e ora gli attaccanti possono venirci a pressare fin dentro la nostra area di rigore, ma possiamo gestire la situazione e capire come comportarci in base all’avversario. Se proprio ci tolgono la possibilità di giocare, abbiamo sempre l’opzione della palla lunga… cosa che l’anno scorso ci riusciva molto bene”, ha concluso.

Guarda anche 

Il TAF obbliga la Svizzera ad ospitare migranti che spettano all’Italia

Con alcune sentenze politiche il TAF (Tribunale amministrativo federale) ha deciso di sabotare l’accordo di Dublino. Il TAF ha infatti stabilito che l’Ital...
21.01.2020
Svizzera

Una nuova agenda congiunta della Città e di Lugano Region per la promozione degli eventi

LUGANO- È stata presentata oggi in una conferenza stampa a Villa Ciani la nuova agenda degli appuntamenti di Lugano e del Luganese. Frutto del lavoro congiunto ...
21.01.2020
Ticino

Saluto romano in curva. La UEFA impone la multa: soldi chiesti ai tifosi

ROMA (Italia) – “La invitiamo a prendere contatto con la società per concordare una modalità di risarcimento”. Con questo testo la Lazio h...
21.01.2020
Sport

Più soldi e meno carriera: la scelta di Junior fa felice il suo portafoglio

LUGANO – “Non voglio più giocare a Lugano, voglio guadagnare di più”. Con queste parole, più o meno, Junior ha messo Angelo Renzett...
21.01.2020
Sport