Sport, 14 luglio 2019

L’Inter resta padrone a Lugano

I nerazzurri hanno conquistato la Casinò Lugano Cup battendo per 2-1 i bianconeri. Buone indicazioni sono arrivate da Gerdt, Rodriguez e Aratore

LUGANO – A distanza di un anno dall’amichevole disputata sempre qui a Cornaredo, in occasione dei 100 anni di vita di entrambe le società, Lugano e Inter si sono ritrovate oggi pomeriggio sul manto verde dello stadio luganese per la sfida valida per la Casinò Lugano Cup. Una sfida interessante perché metteva di fronte due squadre che saranno impegnate in Europa; se per il Lugano era la quarta amichevole estiva, in vista del debutto in campionato di domenica prossima a Zurigo, la partita di oggi è stata anche l’occasione per assistere alla prima uscita stagionale della squadra nerazzurra guidata da Antonio Conte, giunta al termine della prima parte di ritiro iniziato domenica scorsa.

Nel primo tempo, chiusosi col doppio vantaggio interista firmato da Sensi (25’ con un gran bel tiro dal limite dell’area di rigore) e da Brozovic (preciso collo esterno al 45’), il Lugano – pur dovendo ovviamente pagare il possesso palla nerazzurro – ha saputo mettere in evidenza delle ottime giocate, delle belle triangolazioni, specie sull’asse Gerndt-Bottani-Rodriguez. Buona anche la prestazione di Aratore che sulla fascia ha saputo spesso puntare l’uomo e farsi trovare pronto.

Le buone notizie, inoltre, per Celestini sono arrivate anche da Baumann che si è saputo superare in più occasioni, specie su Perisic e su Gagliardini, confermando i miglioramenti mostrati sul finale dello scorso campionato. In difesa, invece, l’idea di costruire l’azione dal basso non ha portato i frutti sperati. Da segnalare anche il primo uso della VAR a Cornaredo, usato per annullare la possibile rete di De Vrij, pescato però in fuorigioco.

A inizio secondo tempo, con i ritmi calati e prima degli 8 cambi simultanei decisi da Conte che hanno cambiato completamente il volto dell’Inter, la buona occasione per riaprire la sfida è capitata sui piedi di Bottani che, però, ha completamente ciccato l’ottimo pallone confezionatogli da Gerndt. Anche Celestini ha provato a mettere mano alla squadra, a dare linfa a tutti i ruoli, cercando anche nuovi equilibri e possibilità in vista della trasferta di Zurigo, cambiando a circa 20’ dalla fine ben cinque uomini.

Entrambe le squadre hanno faticato però a creare occasioni da rete, ma nel finale è stato il Lugano ad avere le occasioni migliori, prima con la rovesciata di Marzouk, poi con la rete del neo entrato Kryeziu (87’) che ha ridato linfa ai bianconeri che hanno sfiorato il clamoroso pareggio con Holender qualche secondo dopo.

Al triplice fischio finale è stato quindi l’Inter a poter festeggiare la vittoria della Casinò Lugano Cup, al termine di un match che ha mostrato luci e qualche ombra nel gioco dei ragazzi di Celestini, ma che rappresenta un buon punto di partenza in vista della trasferta di Zurigo.

LUGANO – INTER 1-2 (0-2)
Reti:
25’ Sensi 0-1; 45’ Brozovic 0-2; 87’ Kryeziu 1-2
LUGANO: Baumann; Daprelà, Kecskes (68’ Covilo), Maric (68’ Sulmoni); Aratore (68’ Obexer), Vecsei (68’ Lovric), Custodio (86’ Leo), Rodriguez (68’ Holender), Lavanchy (86’ Guidotti); Bottani (76’ Marzouk), Gerndt (86’ Kryeziu).
INTER: Handanovic (46’ Padelli); D’Ambrosio (61’ Pirola), De Vrij (61’ Ranocchia), Skriniar (61’ Ntube); Brozovic (61’ Agoumé), Sensi (61’ Borja Valero), Gargliardini (61’ Joao Mario), Perisic (61’ Dalbert), Candreva (61’ Lazaro); Esposito, Longo (61’ Vergani).
Note: Cornaredo, 7140 spettatori.

Guarda anche 

Lugano e il problema dei “soli” 4 stranieri

LUGANO – Poche settimane prima dell’avvio della stagione, e con la Champions Hockey League che si stava avvicinando, alcuni rumors davano il Lugano sulla stra...
17.09.2021
Sport

"È vero che l'Italia ha fatto richiesta di rimandare l'accoltellatore somalo in Svizzera?"

Alla Confederazione risulta che l'Italia ha chiesto alle autorità svizzere di farsi carico dell'accoltellatore somalo che sabato scorso accoltellò c...
16.09.2021
Svizzera

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport