Mondo, 10 luglio 2019

Un festival musicale voleva rendere l'entrata più cara per i bianchi (ma ha poi dovuto lasciar perdere)

Un festival musicale in programma a inizio agosto a Detroit, nel nord degli Stati Uniti, voleva far pagare biglietti più costosi per i bianchi rispetto ai neri per "equità", ma dopo che la decisione è stata resa pubblica, le polemiche sorte hanno obbligato gli organizzatori a fare marcia indietro.

L'AfroFuture Fest proponeva i suoi biglietti per 20 dollari per "gente di colore" ("people of color" o POC, come si può vedere nell'immagine presente sul sito fino a qualche giorno fa) e 40 per gli altri (i non-POC).



Questa differenza di prezzo avrebbe dovuto "fornire alle comunità più emarginate (ossia le persone di colore) una buona opportunità di partecipare a eventi nella propria comunità", hanno spiegato gli organizzatori nella sezione del sito delle "domande frequenti".

"A Detroit e in altre città dove vivono molte persone di colore, le persone che vengono da fuori ottengono costantemente un vantaggio dai biglietti economici a causa delle loro possibilità finanziarie", hanno aggiunto.

"I prezzi dei biglietti non sono fatti per tenere fuori i bianchi dal festival", ha detto il co-organizzatore Francesca Lamarre al quotidiano
locale "Detroit Metro Times". La decisione di differenzazione dei prezzi per razza ha rapidamente fatto il giro del Web, messaggi di condanna e, più raramente, supporto.

Uno dei cantanti ospiti, il rapper di Detroit Tiny Jag, ha annunciato su Twitter il suo rifiuto di partecipare, dicendo che la politica dei due prezzi "non riflette le sue opinioni".



Uno specialista in questioni di discriminazione ha anche dichiarato al New York Times che la differenzazione di prezzo potrebbe violare il 14 ° emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, che protegge l'uguaglianza razziale.

"Molti bianchi ci hanno detto che non vedevano alcun problema a pagare di più", ha detto l'altro co-organizzatore Adrienne Ayers al quotidiano.
Tuttavia, lo stesso Ayers ha annunciato domenica notte su Twitter l'abbandono dei due prezzi a seguito di "minacce da parte di suprematisti bianchi" e "commenti razzisti".

Al posto di essere obbligati a pagare di più, gli spettatori bianchi potranno fare una "donazione" quando acquistano il loro biglietto "come riconoscimento dell'ingiustizia storica" ​​di cui sarebbe vittima la comunità afro-americana.

Guarda anche 

Ha il Covid ma prende i trasporti pubblici e va al lavoro: 1'600 franchi di multa

Sono 77 i decreti d’accusa finora emessi nel canton Argovia per violazione delle norme anti-Covid. Tra di essi, come riporta oggi la Aargauer Zeitung, ce ne sono al...
15.05.2021
Svizzera

Anche le Guardie papali dovranno pagare la tassa militare, "un'esenzione sarebbe discriminante verso altre religioni"

La Guardia svizzera pontificia svolge il servizio militare per uno Stato estero, e quindi le guardie non vanno esentate dal pagare la tassa militare prevista per chi non ...
13.05.2021
Svizzera

Donna spinta sui binari a Zurigo: le inquietanti analogie con un precedente caso

Non sono ancora chiari i motivi per i quali ieri pomeriggio un 27enne eritreo ha spinto una 40enne svizzera sui binari della stazione centrale di Zurigo. Sembra che i ...
08.05.2021
Svizzera

"Le carte svizzere dello jass sono sessiste, vanno cambiate"

Lo jass è “sessista”. Parola di Susan Arndt, una docente che insegna letteratura e scienze culturali all’Università di Bayreuth, in German...
03.05.2021
Svizzera