Svizzera, 05 luglio 2019

La Posta ritira il suo sistema: niente evoting per le nazionali

BERNA – Non ci sarà l’evoting per le elezioni nazionali di ottobre, in nessun Cantone. Tutto rimandato, magari, al 2020, quando la Posta sarà pronta con la nuova tecnologia. Infatti, quella vecchia, in uso in quattro Cantoni, è stata accantonata quest’oggi.

Dopo il Canton Ginevra, dunque, anche il gigante giallo getta la spugna. Non viene specificato, ma probabilmente un loro peso hanno avuto le prove effettuate, che mostravano come fosse possibile per degli hacker entrare nel sistema e falsare il risultato del voto.

In teoria, la Posta forniva il servizio a Basilea Città, Friburgo, Neuchâtel e Turgovia, e avrebbe desiderato il passaggio graduale al nuovo sistema attualmente in fase di studio. Ma da oggi la novità: si ripartirà direttamente con quello nuovo fra un anno.

Le motivazioni addotte? Appunto, non i test effettuati, bensì “la decisione del Consiglio federale - del 26 giugno - di non introdurre per il momento il voto elettronico come canale ordinario”.

Dunque, a ottobre ci si recherà al voto, o molto più probabilmente, si voterà da casa. Ma con la classica crocette e non attraverso il pc.

Guarda anche 

Madre compra un coltello a suo figlio, un anno dopo finisce in un'odissea giudiziaria

Comprare un piccolo coltello al figlio di 10 anni è costato caro a Barbara (nome di fantasia), una madre ginevrina, che, a causa del suo acquisto, è finita ...
16.09.2019
Svizzera

Quadri: "Troppe naturalizzazioni facili e mai un ritiro del passaporto"

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Ohibò: al jihadista Umit Y., ex impiegato di Argo1, verrà (forse) tolta la cittadinanza svizz...
16.09.2019
Svizzera

"Basta regalare passaporti. Qui o si cambia registro o è la fine"

*Dalla prima pagina del Mattino della Domenica Ah, ecco: al jihadista turco, naturalizzato svizzero, che lavorava (?) per Argo1, verrà forse ritirata la cittadi...
16.09.2019
Svizzera

Per Micheline Calmy-Rey il miliardo di coesione all'UE non è sufficiente, "bisogna aumentare l'importo in segno di buona volontà"

Secondo l'ex Consigliera federale socialista Micheline Calmy-Rey la Svizzera dovrebbe aumentare il contributo previsto all'Unione europea, attualmente 1 miliardo ...
15.09.2019
Svizzera