Sport, 30 giugno 2019

In lotta aperta contro Trump: via la fascia da capitano della nazionale

Megan Rapinoe sta trascinando gli Stati Uniti nel Mondiale femminile di calcio, ma dopo le esternazioni contro il presidente degli USA è stata declassata

PARIGI (Francia) – Due gol – decisivi – contro la Spagna, due reti – decisive – contro la Francia e gli Stati Uniti sono approdati ancora una volta alle semifinali del Mondiale femminile: le campionesse in carica devo ringraziare Megan Rapinoe che con quattro reti nella fase a eliminazione diretta ha letteralmente trascinato la nazionale a stelle e strisce.

L’attaccante americana, però, si è vista sottrarre la fascia di capitano dal braccio. Colpa, a quanto
pare, delle sue esternazioni contro Donald Trump, contro la sua politica e contro le discriminazioni. La Rapinoe, infatti, è apertamente lesbica e già in passato aveva criticato l’atteggiamento e le idee della Casa Bianca, tanto da non cantare l’inno o inginocchiarsi durante lo stesso, come fatto in passato da alcuni giocatori di football americano.

Una protesta che, nonostante le sue qualità calcistiche, le è costata un declassamento in seno alla squadra.

Guarda anche 

Macron ha perso la maggioranza dei seggi in Parlamento

La République en Marche (Lrem), il partito politico fondato dal presidente francese Emmanuel Macron nel 2016, ha perso la maggioranza assoluta dei s...
21.05.2020
Mondo

Presidente di un'associazione pro-migranti ucciso da un richiedente l'asilo che ospitava

La polizia francese ha arrestato un richiedente l'asilo afgano sospettato di aver ucciso il presidente di un'associazione che fornisce assistenza a migranti e ric...
15.05.2020
Mondo

La Cina ha chiesto all'OMS di nascondere la gravità del virus, secondo i servizi segreti tedeschi

Secondo la rivista tedesca Der Spiegel il presidente cinese Xi Jingping avrebbe chiesto al direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros ...
11.05.2020
Mondo

Il giallo del ricercatore cinese ucciso negli USA "a un passo da una svolta sulla ricerca sul coronavirus"

Un ricercatore cinese dell’università americana di Pittsburgh è stato ucciso a colpi di arma da fuoco lo scorso fine settimana in un apparente omicidi...
07.05.2020
Mondo