Sport, 30 giugno 2019

In lotta aperta contro Trump: via la fascia da capitano della nazionale

Megan Rapinoe sta trascinando gli Stati Uniti nel Mondiale femminile di calcio, ma dopo le esternazioni contro il presidente degli USA è stata declassata

PARIGI (Francia) – Due gol – decisivi – contro la Spagna, due reti – decisive – contro la Francia e gli Stati Uniti sono approdati ancora una volta alle semifinali del Mondiale femminile: le campionesse in carica devo ringraziare Megan Rapinoe che con quattro reti nella fase a eliminazione diretta ha letteralmente trascinato la nazionale a stelle e strisce.

L’attaccante americana, però, si è vista sottrarre la fascia di capitano dal braccio. Colpa, a quanto pare, delle sue esternazioni contro Donald Trump, contro la sua politica e contro le discriminazioni. La Rapinoe, infatti, è apertamente lesbica e già in passato aveva criticato l’atteggiamento e le idee della Casa Bianca, tanto da non cantare l’inno o inginocchiarsi durante lo stesso, come fatto in passato da alcuni giocatori di football americano.

Una protesta che, nonostante le sue qualità calcistiche, le è costata un declassamento in seno alla squadra.

Guarda anche 

Trump si congratula con la Svizzera in occasione della Festa nazionale

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha presentato sabato le sue congratulazioni alla presidente Simonetta Sommaruga e al popolo svizzero in occasione della festa...
02.08.2020
Svizzera

Incendio di Nantes, il principale sospettato ha confessato

È reo confesso il volontario ruandese arrestato quale principale sospettato di aver appiccato l'incendio nella cattedrale di Nantes una settimana fa. "...
26.07.2020
Mondo

Tanto coraggio e una gemma: una vittoria fondamentale per un Lugano che deve ancora correre

LUGANO – Dopo 4 pareggi consecutivi, di cui alcuni rocamboleschi e da mangiarsi le mani, il Lugano ieri sera a Cornaredo è tornato a conquistare quei 3 impor...
23.07.2020
Sport

Incredibile ma vero: Marquez in pista già domani!

JEREZ DE LA FRONTEIRA (Spagna) – Sembrerebbe una follia, ma nel mondo del Motomondiale non dovremmo più stupirci di nulla. Sembrerebbe una follia, ma quando ...
23.07.2020
Sport