Sport, 28 giugno 2019

Tra Mondiale e politica: che bordate tra la calciatrice omosessuale e Trump

Sta facendo discutere il botta e risposta tra la capitana della nazionale americana e il presidente deglli USA: “Se dovessimo vincere non andrei alla Casa Bianca”. “Finisca il suo lavoro”

WASHINGTON (USA) – I Mondiali femminili di calcio sono entrati nella loro fase calda e attirano sempre più le attenzioni degli amanti del pallone. Sarà perché quest’anno non ci sono né Europei né Mondiali maschili, ma il calcio femminile ha preso davvero piede e attira molti interessi.

Ma non di solo calcio vive l’uomo, o la donna, e immancabile ecco che negli ultimi giorni si è scatenata una polemica in seno agli Stati Uniti per l’atteggiamento tenuto dalla capitana, Megan Rapinoe, che è rimasta in silenzio durante l’inno nazionale suonato prima della vittoria ottenuta contro la Spagna (grazie a 2 rigori da lei segnati). “Non andrò alla Casa Bianca se dovessimo vincere e fossimo invitate, cosa di cui dubito”, ha spiegato.

Quest’atteggiamento ha fatto infuriare Trump la cui risposta non si è fatta attendere: “Non penso che il suo atteggiamento sia appropriato – ha spiegato in un’intervista – Sono un grande fan del calcio femminile (ha poi aggiunto tramite Twitter), ma Mega dovrebbe prima vincere e poi parlare. Finisca il suo lavoro! Non abbiamo neanche invitato ancora Megan o la squadra, ma ora lo farò. Megan non dovrebbe mancare di rispetto al nostro Paese, alla Casa Bianca, o alla nostra bandiera, soprattutto dopo tutto quello che abbiamo fatto per lei e per la squadra. Sia orgogliosa della bandiera che indossa”.

La Rapinoe, apertamente lesbica, in passato, si era inginocchiata durante l’inno prima di alcune partite della sua squadra di club – una prassi introdotta dai giocatori di football americano – in opposizione alla Casa Bianca, definendosi una “walking protest” in difesa dei diritti e contro le diseguaglianze”.

Guarda anche 

VIDEO – Il CR7 che non ti aspetti: in lacrime in tv. “Mio padre non ha visto cosa sono diventato”

LONDRA (Gbr) – Tenero e affettuoso con i figli e la famiglia. Glaciale e combattivo sul campo. Siamo abituati a vederlo così, oltre che vincente, Cristiano R...
16.09.2019
Sport

Umiliato e ridicolizzato: in casa Lugano il futuro è tutto un rebus

LOSANNA – C’era una volta il Lugano che divertiva e che si divertiva. C’era una volta il Lugano che dettava il suo gioco contro chiunque e che era capac...
15.09.2019
Sport

La sera prima della partita niente ritiro: giocatori col braccialetto elettronico!

LISBONA (Portogallo) – Secondo in classifica, alla pari del Porto, e a -3 dalla rivelazione Famaliçao, ma in casa Benfica quella sconfitta subita ad agosto c...
15.09.2019
Sport

6617 giorni dopo la Champions a Cornaredo: viva il calcio femminile

LUGANO – 6617 giorni. 945 settimane e 2 giorni. 217 mesi e 12 giorni. 18 anni e 43 giorni. Ecco quanto è trascorso dall’ultima volta che le note della ...
13.09.2019
Sport