Sport, 28 giugno 2019

Tra Mondiale e politica: che bordate tra la calciatrice omosessuale e Trump

Sta facendo discutere il botta e risposta tra la capitana della nazionale americana e il presidente deglli USA: “Se dovessimo vincere non andrei alla Casa Bianca”. “Finisca il suo lavoro”

WASHINGTON (USA) – I Mondiali femminili di calcio sono entrati nella loro fase calda e attirano sempre più le attenzioni degli amanti del pallone. Sarà perché quest’anno non ci sono né Europei né Mondiali maschili, ma il calcio femminile ha preso davvero piede e attira molti interessi.

Ma non di solo calcio vive l’uomo, o la donna, e immancabile ecco che negli ultimi giorni si è scatenata una polemica in seno agli Stati Uniti per l’atteggiamento tenuto dalla capitana, Megan Rapinoe, che è rimasta in silenzio durante l’inno nazionale suonato prima della vittoria ottenuta contro la Spagna (grazie a 2 rigori da lei segnati). “Non andrò alla Casa Bianca se dovessimo vincere e fossimo invitate, cosa di cui dubito”, ha spiegato.

Quest’atteggiamento ha fatto infuriare Trump la cui risposta non si è
fatta attendere: “Non penso che il suo atteggiamento sia appropriato – ha spiegato in un’intervista – Sono un grande fan del calcio femminile (ha poi aggiunto tramite Twitter), ma Mega dovrebbe prima vincere e poi parlare. Finisca il suo lavoro! Non abbiamo neanche invitato ancora Megan o la squadra, ma ora lo farò. Megan non dovrebbe mancare di rispetto al nostro Paese, alla Casa Bianca, o alla nostra bandiera, soprattutto dopo tutto quello che abbiamo fatto per lei e per la squadra. Sia orgogliosa della bandiera che indossa”.

La Rapinoe, apertamente lesbica, in passato, si era inginocchiata durante l’inno prima di alcune partite della sua squadra di club – una prassi introdotta dai giocatori di football americano – in opposizione alla Casa Bianca, definendosi una “walking protest” in difesa dei diritti e contro le diseguaglianze”.

Guarda anche 

Scontri e saccheggi negli USA dopo l'uccisione di un nero da parte della polizia

Per il secondo giorno di seguito, mercoledì manifestanti si sono riuniti a Minneapolis, e in misura minore in altre città statunitensi, per dimostrare contr...
28.05.2020
Mondo

La Cina ha chiesto all'OMS di nascondere la gravità del virus, secondo i servizi segreti tedeschi

Secondo la rivista tedesca Der Spiegel il presidente cinese Xi Jingping avrebbe chiesto al direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros ...
11.05.2020
Mondo

Il giallo del ricercatore cinese ucciso negli USA "a un passo da una svolta sulla ricerca sul coronavirus"

Un ricercatore cinese dell’università americana di Pittsburgh è stato ucciso a colpi di arma da fuoco lo scorso fine settimana in un apparente omicidi...
07.05.2020
Mondo

In dogana con 27'000 franchi sporchi di cocaina, ma non possono essere confiscati

La giustizia sciaffusana è andata troppo lontano confiscando i 27'000 franchi sporchi di cocaina trovata su un automobilista durante un controllo in dogana. Da...
01.05.2020
Svizzera