Mondo, 24 giugno 2019

Algeria, cristiano condannato per "esercizio di culto non musulmano"

Un giovane cristiano di Akbou, città del nord dell'Algeria, è stato condannato giovedì scorso dalla corte a una multa di 50'000 dinari (circa 400 franchi) per "esercizio di culto non musulmano e senza autorizzazione". Il giovane era stato ascoltato il 29 maggio dal giudice dello stesso tribunale cittadino. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a due anni di carcere contro l'imputato.

Il 17 ottobre 2018 la gendarmeria mise i sigilli alla chiesa "Città di rifugio", struttura annessa alla Chiesa protestante d'Algeria (EPA), che esiste dal 2013 ad Akbou, l'imputato aveva proceduto all'installazione di un altare per consentire ai fedeli di celebrare le messe domenicali. Il 16 maggio era stato quindi convocato dalla magistratura, la quale aveva descritto il caso come "un esercizio di culto senza autorizzazione".

Per l'avvocato e attivista per i diritti umani Sofiane Ikken, "in questo caso, l'articolo 42 della Costituzione che sancisce l'inviolabilità delle libertà di coscienza e di opinione è stato ignorato” e che "questo tipo di processi mette direttamente in discussione la Costituzione, che sancisce la libertà di culto. Questo sistema di autorizzazioni è solo un mezzo di pressione per controllare meglio i religiosi".

Sofiane Ikken, mettendo in discussione il sistematico rifiuto di erigere luoghi di culto non musulmani, ritiene che "le autorità che spingono i cristiani a nascondersi prima di portarli davanti alla giustizia". 

Fonte

Guarda anche 

Più di 500 cristiani uccisi da islamisti in Etiopia negli scorsi mesi

Più di 500 cristiani sono stati uccisi nella regione etiopica dell'Oromia (che si estende da est a sud-ovest del Paese), secondo un rapporto del Barnabas Fund,...
26.11.2020
Mondo

"I tatuaggi sono un'opera del diavolo", prete vallesano sospeso dall'insegnamento per affermazioni controverse

Da quest'anno scolastico, il parroco di Mörel, nell'alto vallese, non insegna più religione alle scuole medie di Aletsch (VS). I genitori si erano lam...
16.11.2020
Svizzera

Convertite, stuprate e sposate: il dramma delle cristiane rapite in Pakistan

Maira Shahbaz, Huma Younus, Saneha Kinza Iqbal, “Algeena” (un nome di fantasia utilizzato ai fini della tutela personale, in questo caso d...
03.09.2020
Mondo

La Basilica di Santa Sofia tornerà ad essere una moschea?

In perdita di velocità sin da quando ha perso il sindacato di Istanbul, il presidente turco Recep Erdogan sta moltiplicando le iniziative per invertire la tendenza...
07.07.2020
Mondo